Benvenuto nel mio sito web! ...La grinta dei giovani per il futuro della nostra città!

Clicca qui per la mia pagina su Facebook


 

News

COMUNICATO STAMPA – ON.RIBOLLA (LEGA): “ DENATALITÀ, PER GORI LA SOLUZIONE SONO NUOVAMENTE GLI IMMIGRATI. PER LA LEGA È AIUTARE LE GIOVANI COPPIE.”

“Non è la prima volta che il Sindaco Gori sostiene che i problemi legati alla denatalità cittadina e nazionale andrebbero risolti con l’importazione di nuovi immigrati, addirittura 8 milioni nei prossimi 20 anni! Una posizione assurda e fuori da ogni logica – sostiene l’On. Alberto Ribolla, deputato Lega, commentando le recenti dichiarazioni di Giorgio Gori rilasciate alla stampa locale. “La nostra posizione è opposta: l’obiettivo è dare un futuro alla nostra gente, permettere alle giovani coppie di avere figli e farli crescere in una serenità economica e in un ambiente favorevole - continua Ribolla. In Regione Lombardia, da diversi anni, la Lega sta mettendo in campo azioni concrete che prevedano agevolazioni per chi si appresta a diventare genitore, come ad esempio la misura degli asili nido gratis. L’amministrazione Gori, invece, ha appena aumentato l’addizionale comunale IRPEF del 33%, scoraggiando così i giovani che vogliono prendere casa a Bergamo. Dove sono le politiche per la casa? Dove sono gli incentivi per le giovani coppie? Gori preferisce risolvere il problema importando immigrati invece che concentrarsi per risolvere la denatalità delle coppie italiane”. “Ancora una volta - conclude il parlamentare leghista - si manifesta chiaramente una differente visione del futuro del nostro paese: la visione del mondo della sinistra, che preferisce gli immigrati agli italiani, è completamente diversa dalla nostra!”

17 febbraio 2020 (lunedì)

COMUNICATO STAMPA - RIBOLLA E CARRARA : "MA LA SINISTRA NON ERA ECOLOGISTA?"

"L'amministrazione nel pieno del suo delirio antiecologista ha approvato una delibera che diminuirà le agevolazioni legate alle auto ibride relativamente alle ztl - affermano i consiglieri Ribolla e Carrara. Infatti, a breve, tutte le auto con propulsione termo/elettrica dovranno pagare un pass del valore di 360€ per potervi accedere. Così si disincentiva a comprare ibrido, così si favoriscono le strategie "green"? Come Lega ci auguriamo vivamente che la Giunta faccia un passo indietro su questa decisione. Come al solito - concludono i consiglieri Ribolla e Carrara - da una parte si finge di essere ecologisti, dall'altra si disincentiva l'utilizzo di auto a basso impatto ambientale, un po' come quando si dice che ci vuole più verde in città ed ogni giorno vengono abbattuti alberi decennali. Gli errori in successione negli ultimi mesi iniziano a diventare troppi. Lo strapotere del Sindaco sta scavalcando cittadini e le opposizioni che, legittimamente, chiedono di impegnarsi sul fronte ambientale.

08 febbraio 2020 (sabato)

Milleproroghe, Ribolla (Lega), “maggioranza giallofucsia dismette le società partecipate in utile: a rischio servizi ai cittadini”

“La maggioranza giallofucsia boccia il nostro emendamento per la proroga al 31 dicembre 2022 delle società in utile partecipate dai Comuni. Un colpo gravissimo inferto dalla maggioranza Pd-5S che non fa distinzioni e non premia la virtuosità di quelle partecipate che negli ultimi 3 anni hanno avuto il bilancio in attivo. La proroga sarebbe stata necessaria a garantire una futura prospettiva e un piano industriale. Nella scorsa legge di Bilancio, grazie a un emendamento della Lega, avevamo prorogato la dismissione delle società partecipate al 31 dicembre 2021, garantendo la non dismissione di società in salute, che erogano servizi ai cittadini”. Così il deputato e consigliere comunale della Lega Alberto Ribolla. “Anche la Bergamo onoranze funebri srl – continua Ribolla – non sarà risparmiata dalla dismissione, nonostante la propria permanenza sul mercato contribuisca, in modo efficace, a calmierare i prezzi dei funerali in città, come sa bene anche il Pd alla guida del Comune, che subisce senza dire nulla questa perdita assurda per la comunità”.

04 febbraio 2020 (martedì)

Giornalisti: Lega critica Repubblica al Consiglio d'Europa Chiesto ad aula di mettere agli atti titolo 'Cancellare Salvini'

I parlamentari leghisti Manuel Vescovi e Alberto Ribolla hanno criticato duramente il titolo del quotidiano 'La Repubblica' del 15 gennaio scorso, 'Cancellare Salvini', durante il dibattito dell'assemblea del Consiglio d'Europa sul rapporto 'Minacce alla liberta' di stampa e alla sicurezza dei giornalisti in Europa'. Mostrando un foglio di carta su cui appare solo la testata La Repubblica e la scritta 'Cancellare Salvini' il senatore leghista Manuel Vescovi ha chiesto di metterlo agli atti dell'assemblea. "Con molto scandalo scrivete che l'Italia e' uno dei paesi dove le autorita' hanno mostrato grande ostilita' nei confronti dei giornalisti particolarmente nel periodo tra giugno 2018 e Agosto 2019 sotto il governo Cinque Stelle-Lega", ha affermato Vescovi. "Perche' non dite niente quando La Repubblica dice 'cancelliamo Salvini'? Un'affermazione gravissima e un attacco veemente", ha aggiunto. "Cancelliamo vuol dire eliminiamo - ha continuato Vescovi - determinati termini non si usano sui giornali". Anche il deputato leghista Alberto Ribolla, mostrando la stessa pagina, ha criticato il quotidiano dichiarando "che le azioni ostili nei confronti dei giornalisti sono da condannare", e chiedendo: "chi minaccia ed e' ostile? Matteo Salvini o qualche giornalista per fortuna in minoranza?"

28 gennaio 2020 (martedì)

ON. GRIMOLDI, RIBOLLA E VESCOVI (LEGA). RELIGIONE. CONSIGLIO D’EUROPA, GRAZIE A VOTI LEGA RESPINTA RACCOMANDAZIONE CHE EQUIPARAVA TUTTE LE RELIGIONI SENZA TUTELARE LA NOSTRA RADICE CRISTIANA

28 GEN - “Grazie ai nostri voti decisivi, qui al Consiglio d’Europa, siamo riusciti a far respingere con 70 voti contrari e 67 favorevoli la raccomandazione presentata dai parlamentari delle sinistre, sul tema della libertà religiosa sui luoghi di lavoro, che di fatto avrebbe voluto cancellare la nostra cultura e le nostre tradizioni, nel nome di un globalismo che annienta le differenze, equiparando e valorizzando tutte le religioni, senza alcuna citazione o tutela per la nostra radice cristiana. Sarebbe stato l’ennesimo affronto alla nostra storia, a chi siamo, equiparando l’Islam alla nostra identità cristiana. I nostri 3 voti sono stati determinanti per respingere questo ennesimo assalto alle nostre radici e a quello su cui si fonda la nostra Europa cristiana.”

28 gennaio 2020 (martedì)

Bergamo: Ribolla (Lega): giunta Gori sola nel contrastare taser

Roma, 22 gen. - “Avevo ragione ad affermare che la sinistra bergamasca vive su un altro pianeta: le ultime vicende che riguardano l’approvazione dell’utilizzo del Taser ci dicono che ad essere sulla strada giusta siamo noi”. Così il deputato e consigliere comunale della Lega Alberto Ribolla, commentando l’avvio definitivo dell’utilizzo del taser per Polizia e Carabinieri, accolto con favore anche dal Questore di Bergamo e dal Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri. “Trovo ancora assurdo – continua Ribolla - che la Giunta Gori abbia bocciato in Consiglio Comunale la richiesta di dotare le forze di Polizia Locale di questo utile strumento. Le dichiarazioni del Prefetto Franco Gabrielli, Direttore Generale della Polizia di Stato, del Questore Maurizio Auriemma e del Comandante Provinciale dell’Arma Paolo Storoni, testimoniano il fatto che a Roma, con il Decreto Sicurezza fortemente voluto dalla Lega e dall’ex Ministro Matteo Salvini, è stato fatto un ottimo lavoro per quanto riguarda lo studio e l’introduzione della pistola elettrica. Il Taser, oltre ad essere già impiegato in più di 100 paesi nel mondo tra cui Francia, Regno Unito ed USA, ha riscosso un notevole successo nelle città italiane (Milano, Torino, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia, Brindisi e Genova) in cui è stato introdotto. È notizia di qualche giorno fa che, grazie all’utilizzo del Taser, si sia potuta evitare un’aggressione in stazione a Milano, senza causare danni al delinquente (cosa che evidentemente preoccupa fortemente i consiglieri del PD). Dispiace – conclude Ribolla – che si sia persa un’occasione importante per rendere Bergamo più sicura, negando la possibilità di dare in dotazione questo innovativo strumento anche alla Polizia Locale, visto anche il clima di insicurezza che si respira nella nostra città. Al contrario di quanto affermato in campagna elettorale, per Gori la sicurezza sicuramente non è al primo posto”.

22 gennaio 2020 (mercoledì)

BERGAMO, RIBOLLA (LEGA): "GORI ORMAI POCO CREDIBILE"

Roma, 15 gen. - "Gori non ambisce a diventare segretario del PD, proprio come non ambiva a fare il governatore della Lombardia? Le dichiarazioni di Gori sul futuro del suo partito mi preoccupano sinceramente, l'ultima volta che ha provato ad assumere poltrone più prestigiose, la città è rimasta senza sindaco per oltre 6 mesi: non oso immaginare se provasse a diventare segretario nazionale del Partito Democratico quali sarebbero le ripercussioni sulla città”. Lo dichiara il deputato bergamasco della Lega Alberto Ribolla. “Vedremo - conclude Ribolla - se questa volta verranno rispettare le parole dette o si farà l'opposto, confermando la teoria secondo cui Gori usi la città come trampolino di lancio per soddisfare le proprie ambizioni personali”

15 gennaio 2020 (mercoledì)

COMUNICATO STAMPA COMUNI PENALIZZATI DAL FONDO DI SOLIDARIETÀ. ON. FRASSINI E ON. RIBOLLA (LEGA): “ ALTRA BRUTTA SORPRESA DELLA LEGGE DI BILANCIO. LA LEGA AL GOVERNO AVEVA STANZIATO 900 MILIONI PER I COMUNI. SEMPRE PIÙ URGENTE AUTONOMIA DELLE REGIONI”

“Due milioni di euro in meno rispetto allo scorso anno ( dai 92.651.993,87 euro del 2019 ai 90.795.527, 39 del 2020) per i Comuni bergamaschi dal Fondo di solidarietà comunale - dichiarano i deputati della Lega Rebecca Frassini membro della Commissione Bilancio alla Camera e Alberto Ribolla, deputato e Consigliere Comunale di Bergamo - sono un duro colpo per i nostri sindaci. Dietro questi numeri ci sono risorse che mancheranno dai bilanci comunali e che potevano essere utilizzate per scuole, strade, sociale e sicurezza”. “In merito alle dichiarazioni del segretario provinciale del Pd Casati ricordiamo che è solo nella seduta dell’11 dicembre scorso della Conferenza Stato – Città ed autonomie locali che sono stati definiti i nuovi criteri di riparto per l’anno 2020 del Fondo di Solidarietà Comunale – FSC. Pertanto la responsabilità politica della ripartizione è del Governo Pd-5 stelle. Ricordiamo inoltre che, con la Lega al Governo, i Comuni avevano ricevuto, tra legge di bilancio e decreto crescita, 900 milioni di euro.” Aggiunge Rebecca Frassini: “Purtroppo l’ultima Legge di Bilancio ha fatto trovare sotto l’albero di Natale dei Sindaci delle sorprese amare, tagliando loro risorse e possibilità di investimenti. Da qui il nostro giudizio sempre più negativo”. “La legge di bilancio e il decreto fiscale - spiega la deputata bergamasca della Lega - hanno messo in evidenza ancora una volta come la gestione delle risorse da parte dello Stato centrale non riesca a premiare chi ha i conti in ordine. La via maestra per evitare queste distorsioni è l’autonomia di cui i Comuni devono essere il motore. Con la riforma, le risorse sarebbero gestite direttamente nei nostri territori”. E sul Pd: “Ci fa piacere che il vice Ministro Misiani venga in provincia di Bergamo e incontri i sindaci del centro sinistra - dichiarano Frassini e Ribolla- ma se viene in qualità di vice ministro ci aspettiamo che estenda l’invito anche a tutti i nostri sindaci bergamaschi”. Conclude Ribolla “Per il Comune di Bergamo, il taglio si traduce addirittura in 417.000 euro in meno per il 2020, un bel regalo per i cittadini bergamaschi, che si aggiunge all’aumento dell’addizionale Irpef recentemente approvato dalla Giunta Gori”. On. Rebecca Frassini e On. Alberto Ribolla

14 gennaio 2020 (martedì)

COMUNICATO STAMPA- RIBOLLA E CARRARA (LEGA): “BERGAMO TRA LE CITTA’ MAGGIORMENTE MULTATE”

“Dispiace tornare periodicamente sull’argomento multe ma ogni volta che vengono resi noti nuovi elementi sulla questione c’è da preoccuparsi sempre di più. Come confermano anche i recenti dati pubblicati dalle varie testate locali e nazionali, Bergamo è in cima alla classifica delle contravvenzioni staccate ogni anno, toccando la cifra record di 13,5 milioni l’anno. Dato che, da una parte stupisce e dall’altra preoccupa, è quello legato alla riscossione delle multe, infatti, nella nostra città, vengono riscossi proventi derivanti dalle contravvenzioni per circa 6,6 milioni di euro l’anno: meno della metà rispetto al preventivato. Quindi non solo Bergamo risulta di gran lunga la città più multata rispetto alle altre città con grandezza e numero di abitanti simili alla nostra ma–continuano i consiglieri Ribolla e Carrara - ha anche un pessimo rendimento per quanto riguarda il rapporto multe staccate ed incasso correlato. Siamo favorevoli all’assoluto rispetto delle regole, ma come abbiamo sottolineato più volte, il rispetto è un conto, l’accanimento verso i cittadini è un altro; la Giunta Gori ancora una volta si è distinta nel non essere brillante sulle questioni importanti.

06 gennaio 2020 (lunedì)

COMUNICATO STAMPA - ON. RIBOLLA “BERGAMO PERDE POSIZIONI NELLA CLASSIFICA SULLA QUALITA’ DELLA VITA. PESSIMO ANCHE L’INDICATORE SULLA SICUREZZA”

“Dopo aver letto le nuove classifiche sulla qualità della vita nelle città italiane pubblicate oggi sul Sole 24 Ore purtroppo non mi stupisco. Bergamo quest’anno perde numerose posizioni passando dal sedicesimo posto dell’anno scorso al ventottesimo nel 2019. Gli indicatori esprimono diversi dati nella media e molti indicatori preoccupanti. “Colpisce” in particolare – continua l’On. Ribolla – che i dati peggiori arrivino dal campo della sicurezza (70esimo posto) e della cultura (53esimo posto), due ambiti su cui l’amministrazione, a detta del Sindaco Gori, avrebbe lavorato moltissimo ottenendo ottimi risultati. Evidentemente la situazione descritta dal Sindaco e dalla Giunta in generale non combacia con la realtà: quando denunciamo queste mancanze veniamo accusati di essere speculatori ma, come dimostrano i fatti, la realtà decantata da Gori così perfetta non è, tutt’altro. Per questi motivi lavoreremo a Roma per potenziare ancor di più gli organici delle forze dell’ordine che, grazie all’ex Ministro Matteo Salvini, per la prima volta dopo molti anni, hanno visto nel 2019 (e lo vedranno anche negli anni futuri) un cospicuo incremento per la nostra Provincia, sia per la Polizia di Stato che per l’Arma dei Carabinieri e la Polizia Penitenziaria. Senza dimenticare l’apertura di nuove stazioni sul territorio, il potenziamento delle piante organiche, lo sblocco del turn over per gli agenti di Polizia Locale e la possibilità per gli stessi di dotarsi di evoluti strumenti, come il taser, bocciati però, con un’ottica miope, dalla Giunta Gori.

16 dicembre 2019 (lunedì)

ASSEMBLEA ANCE. PERGREFFI, BELOTTI, FRASSINI E RIBOLLA (LEGA): “BENE IL FINANZIAMENTO ALLA TEB2 DELIBERATO DAL PRECEDENTE GOVERNO, OPERA FONDAMENTALE PER BERGAMO E LA VALLE BREMBANA”

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha finanziato per 125 milioni di euro la realizzazione della Teb2, la tranvia veloce e sostenibile tra Bergamo e la Val Brembana. La conferma da parte del ministro De Micheli durante il convegno organizzato dai costruttori dell’Ance. A margine dell’incontro i parlamentari bergamaschi Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Rebecca Frassini e Alberto Ribolla presenti al convegno hanno commentato così la notizia: “Siamo soddisfatti dell’annuncio della TEB2 il cui finanziamento era già stato deliberato dal precedente Governo. Mancava soltanto la firma di ratifica che stavamo aspettando dal mese di agosto e per la quale avevamo presentato un sollecito alla ministra De Micheli”. Per quanto riguarda la Tramvia veloce i parlamentari bergamaschi della Lega hanno aggiunto: “Ora che è stato sbloccato il finanziamento si proceda al più presto con l’apertura del cantiere, è un’opera attesa da tempo e fondamentale per tutta la città e la Valle Brembana”.

22 novembre 2019 (venerdì)

ON. RIBOLLA (LEGA) : "Assurdo che un clan di rom tenga sotto scacco l’ospedale di Bergamo. Chiederemo punizioni esemplari".

Sono davvero indignato e contrariato per quanto successo nell'ultimo mese all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo e riportato oggi dalle cronache - dichiara l’on. Alberto Ribolla, deputato della Lega e capogruppo in Consiglio Comunale a Bergamo. Non è possibile che nel 2019 ci possa essere un clan di rom che si permette di occupare un intero reparto dell'ospedale per un mese. Questa volta si è andati oltre. Questi delinquenti, oltre a violare con prepotenza qualsiasi norma dell'istituto ospedaliero, hanno anche impedito il normale lavoro di medici e infermieri e infastidito pazienti e parenti. È ora di dire basta, non possiamo accettare ancora situazioni simili. La Lega è a supporto del personale ospedaliero: chiederemo infatti che si preveda il riconoscimento di pubblico ufficiale per il personale sanitario aggredito, affinché le denunce per questi reati possano essere avanzate d'ufficio.

16 ottobre 2019 (mercoledì)

COMUNICATO STAMPA – CARRARA, RIBOLLA, BELOTTI, ROVETTA (LEGA): “L’AMMINISTRAZIONE NON SOLO NON SGOMBERA LA PONCHIA MA CONCEDE LORO ANCHE LA SCENA DURANTE I PRESIDI”

“Se non ci fosse di mezzo la sinistra bergamasca, bisognerebbe stropicciarsi gli occhi dall’incredulità. Ieri abbiamo dovuto assistere alla solita strumentalizzazione fuori da Palazzo Frizzoni: un presidio di solidarietà al popolo curdo. Ci sembra già particolare che buona parte dell’amministrazione, alla regia dell’evento, abbia predicato posizioni di condanna verso la Turchia che, fino a qualche anno fa, secondo il PD di Gentiloni, sarebbe stata un’ottima candidata per entrare a far parte dell’Unione Europea. Ma ciò che ci lascia veramente sbigottiti è che, a prendere parola davanti a centinaia di cittadini, ci fossero alcuni rappresentanti dei centri sociali – gli stessi – che l’amministrazione si era impegnata a sgomberare perché ritenuti abusivi come nel caso della kascina Ponchia. Ci aspettiamo delle scuse da parte degli assessori intervenuti: alcuni degli oratori del presidio, sono gli stessi che sono stati denunciati nei mesi scorsi per aver vandalizzato la nostra sede durante la campagna elettorale. Non solo sulla questione degli sgomberi l’amministrazione non ha più fatto nulla facendo finta che il problema non sussista, ora gli si permette anche di aver lustro durante le manifestazioni in piazza. Da segnalazione di diversi cittadini ci risulta anche che in data 29 Settembre, queste stesse persone abbiano organizzato l’evento “Non avete fermato il vento” senza avere le regolari e necessarie autorizzazioni, presenteremo dunque un’interrogazione all’Amministrazione Comunale per chiedere conto di quanto successo.

15 ottobre 2019 (martedì)

RIBOLLA (LEGA): AGENTI POLIZIA LOCALE DI BERGAMO IN CONTINUA DIMINUZIONE, DOVE SONO GLI INVESTIMENTI IN SICUREZZA?

Da un recente accesso agli atti, che alleghiamo, si evince come il numero di agenti di Polizia Locale, sia nuovamente crollato ai minimi storici. La maggioranza, come uno di quei mantra ripetuti all'infinito, continua ad affermare che questa amministrazione abbia investito molto sulla sicurezza. Come mai allora gli agenti di polizia locale dal 2014 (ultimo anno Giunta Tentorio) ad oggi sono diminuiti? Se analizziamo i dati, infatti, in città risultano essere operativi 170 agenti di Polizia Locale (di cui 6 amministrativi), 11 in meno rispetto al 2014. Se davvero il centrosinistra vuole investire sulla sicurezza, investa sulle assunzioni di nuovi agenti (ora che, grazie alla Lega, è stato anche sbloccato il turn over e son state destinare risorse per le assunzioni) e non mandi quelli operativi solo a riscuotere multe". Così dichiarano Alberto Ribolla, Capogruppo Lega in Consiglio Comunale ed i Consiglieri Comunali del gruppo Lega.

09 ottobre 2019 (mercoledì)

ON. GRIMOLDI E RIBOLLA (LEGA) – GOVERNO ITALIANO SMETTA DI REGALARE 35 MILIONI AL CONSIGLIO D’EUROPA

7 OTT – I deputati della Lega, on. Paolo Grimoldi e on. Alberto Ribolla, annunciano di aver depositato in commissione Affari Esteri alla Camera una risoluzione “che impegna il Governo italiano a rivedere in senso restrittivo la parte di finanziamento, legata percentualmente al PIL del nostro Paese, che viene trasferito al Consiglio d’Europa per il suo funzionamento, cassando al contempo qualsiasi trasferimento extra-budget, alla luce dei criteri settari e manipolatori che l’organizzazione succitata utilizza nei confronti dei parlamentari italiani espressione di un voto democratico di un grande Paese democratico”. Nella loro risoluzione gli onorevoli Grimoldi e Ribolla ricordano come il Consiglio d’Europa , finanziato per circa 35 milioni l’anno dall’Italia, abbia offeso l’Italia ‘esprimendo la propria  preoccupazione per la presenza in Italia della criminalità organizzata e delle mafie che a suo dire esercitano una forte presa sulla politica italiana” e abbia poi svolto un’inopportuna attività di dossieraggio nei confronti dei singoli parlamentari della delegazione della Lega e di altre forze politiche (come i francesi del Front National, gli austriaci del FPO, i tedeschi dell’Afd) cui è stato inoltre negato il riconoscimento al gruppo parlamentare autonomo “Nuovi democratici europei/Europa delle nazioni e delle libertà”.

07 ottobre 2019 (lunedì)

ON. GRIMOLDI E ON.RIBOLLA (LEGA). MIGRANTI. CONSIGLIO D’EUROPA VUOLE INTERROMPERE COLLABORAZIONE CON GUARDIA COSTIERA LIBICA E MOLTIPLICARE LE MORTI IN MARE

3 OTT - Oggi il Consiglio d’Europa ha votato un’assurda risoluzione che in teoria riguarda i salvataggi dei migranti in mare ma poi di fatto verte sulla accoglienza, risoluzione a cui ci siamo opposti come Lega, portando avanti degli emendamenti quasi tutti bocciati. Intanto, e lo dicono le cifre fornite dall’Unhcr, con la politica italiana dei porti chiusi, disincentivando le partenze, e grazie alla collaborazione con la Guardia Costiera Libica, le morti in mare nel secondo semestre del 2018 sono diminuite del 35%. Ricordiamo che nel 2017 con la politica dei porti aperti in Italia sono arrivati 105.935 immigrati, mentre nel 2019 appena 7783. Ed è chiaro che se ne partono di meno le morti conseguentemente si abbassano drasticamente. Per cui questa è la soluzione da seguire mentre in questa risoluzione si chiede di terminare la collaborazione con la Guardia Costiera Libica. Poi nella risoluzione si parla di accoglienza per tutti, senza ovviamente fare distinzione tra migranti economici e quella minoranza che può avere i requisiti per ottenere lo status di profughi, e non si parla di redistribuzione, per cui sostanzialmente gli immigrati restano in capo allo Stato dove sbarcano. Se vogliamo salvare vite veramente servono partenze sicure e controllate, con corridoi umanitari gestiti a livello europeo, non avallando il traffico di essere umani gestito da organizzazioni criminali e da ONG compiacenti. Lo affermano i parlamentari della Lega nella delegazione italiana al Consiglio d'Europa On. Paolo Grimoldi e On. Alberto Ribolla.

03 ottobre 2019 (giovedì)

Crocifisso nelle scuole. Parlamentari bergamaschi della Lega: “È il simbolo della nostra identità, sindaci e presidi hanno già combattuto per mantenerlo, così si torna indietro”

“Il nuovo ministro all’Istruzione manca di originalità e rispolvera una vecchia questione già risolta nel 2011 dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che con una sentenza definitiva aveva sancito che il crocifisso poteva restare affisso nelle scuole pubbliche italiane”. Così i parlamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Rebecca Frassini Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi, Daisy Pirovano e Tony Iwobi rispondono al neo ministro Lorenzo Fioramonti che ha risollevato la questione della presenza del crocifisso nelle scuole proponendo di sostituirlo con una cartina del mondo. “La battaglia contro i benpensanti di sinistra è già stata combattuta e vinta da tanti amministratori e presidi anni fa - continuano i parlamentari bergamaschi - il crocifisso è il simbolo della nostra identità, la cristianità è la radice culturale dell’Italia e dell’Europa. La scuola italiana, e lo vediamo anche sul nostro territorio, ha ben altri problemi, il ministro Fioramonti non si nasconda dietro un crocifisso per evitare di risolverli”.

02 ottobre 2019 (mercoledì)

ON. GRIMOLDI E RIBOLLA (LEGA): INTERROGAZIONE PARLAMENTARE PER SAPERE COME SIA POSSIBILE CHE DEI CLANDESTINI SENZA REQUISITI A BERGAMO ABBIANO AVUTO UN LAVORO CHE ORA GLI CONSENTIRÀ DI RESTARE IN ITALIA

2 OTT - Nei prossimi giorni presenteremo un’interrogazione parlamentare rivolta ai ministri competenti per avere spiegazioni su quanto sta accadendo a Bergamo, nella cosiddetta Accademia dell’Integrazione voluta dalla giunta di centrosinistra del sindaco Giorgio Gori, dove dei clandestini, che andrebbero allontanati dal nostro territorio in base alle leggi vigenti, starebbero per ricevere, secondo quanto riferito dallo stesso Gori in un’intervista, dei permessi di soggiorno avendo ottenuto dei contratti di lavoro forniti proprio dall’Accademia dell’Integrazione. È quanto riferito dal sindaco Gori nel corso di un’intervista in cui ha spiegato: “Grazie all’accademia dell’Integrazione, un progetto sperimentale avviato dal Comune di Bergamo per l’accoglienza attiva dei richiedenti asilo, oggi abbiamo 35 ragazzi immigrati che hanno tutti un lavoro anche se nessuno di loro ha la certezza di poter rimanere in Italia legalmente perché il primo giudizio della commissione territoriale per la loro domanda è stato negativo, perché nessuno di questi ragazzi viene da Paesi in guerra e ora hanno una seconda possibilità di restare attraverso il Tribunale Amministrativo di Brescia, che in secondo grado può decidere se dare loro un permesso di soggiorno e intanto ha già concesso un permesso speciale per uno di loro in quanto ha ottenuto dopo il tirocinio un contratto di lavoro a tempo indeterminato”. Vogliamo capire come come mai, in un’Italia con una disoccupazione che secondo gli ultimi dati ISTAT relativi al mese di agosto ammonta al 9,5% a livello generale e al 27,5% a livello giovanile, disoccupazione che in Lombardia pur dimezzandosi mediamente resta comunque un problema, il Comune di Bergamo debba introdurre degli irregolari che non hanno diritto a restare sul nostro territorio in un percorso lavorativo finalizzato ad un contratto a tempo indeterminato. Questi 35 posti di lavoro non potevano essere assegnati a ragazzi italiani? Non solo, l’Accademia dell’Integrazione giunta al secondo anno sta formando altri 50 immigrati, prevedibilmente tutti irregolari: stiamo per regalare posti di lavoro a nigeriani, ivoriani, senegalesi ecc che non dovrebbero restare qui, quando abbiamo i nostri ragazzi costretti ad andare all’estero per mancanza di lavoro? Vogliamo una risposta dal Governo. Lo dichiarano i deputati della Lega, on. Paolo Grimoldi e on. Alberto Ribolla, firmatari dell’interrogazione

02 ottobre 2019 (mercoledì)

ON. GRIMOLDI E RIBOLLA (LEGA). MIGRANTI. MACRON HA CONFERMATO CHE ITALIA DOVRÀ TENERSI TUTTI I CLANDESTINI CHE ARRIVANO

1 OTT - Il presidente francese Macron intervenendo poco fa al Consiglio d’Europa ha ribadito un principio già espresso più volte ovvero che il diritto di asilo non può e non deve favorire il traffico di esseri umani e dunque l’immigrazione clandestina. Per cui l’Europa, come del resto specificato anche nel pseudo accordicchio raggiunto la settimana scorsa a Malta, accetta su base volontaria la ripartizione degli immigrati che hanno i requisiti per lo status di rifugiati ma non vuol sentire parlare di clandestini, che restano laddove sono sbarcati. Per cui l’Italia si tiene più del 90% di immigrati che sbarcano sulle nostre coste e l’Europa al massimo ci aiuta su base volontaria a ripartire quelli che possiedono i requisiti per essere profughi. Non c’è altro da aggiungere, no? Lo affermano i parlamentari della Lega nella delegazione italiana al Consiglio d'Europa On. Paolo Grimoldi e On. Alberto Ribolla.

01 ottobre 2019 (martedì)

COMUNICATO STAMPA Dal Miur altri 140 mila euro per supporti informatici in 17 scuole bergamasche. I parlamentari Lega: "Con i 360 mila euro di dicembre, a Bergamo mezzo milione di euro per laboratori e classe digitali"

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha firmato il decreto che avvia la realizzazione di ambienti di apprendimento innovativi in un migliaio di scuole italiane, con un finanziamento di 20 milioni di euro. Il provvedimento fa seguito a un primo stanziamento di 22 milioni, dello scorso dicembre, destinato alle scuole statali di ogni ordine e grado. "In provincia di Bergamo - spiegano i parlamentari leghisti Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Toni Iwobi, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini - sono 17 gli istituti scolastici che beneficeranno di un contributo di 20.000 euro ciascuno che vanno ad aggiungersi alle 18 scuole selezionate nella graduatoria precedente per un totale di 500.000 euro destinato alle scuole aule digitali". "Ringraziamo il Ministro Bussetti - dichiarano i parlamentari leghisti - perchè è riuscito a recuperare ulteriori risorse per rispondere alle innumerevoli richieste di finanziamento pervenute dal territorio al fine di realizzare ambienti laboratoriali con tecnologie innovative per l’utilizzo della realtà virtuale, della robotica educativa, del pensiero computazionale, della stampa 3d”. A Bergamo e provincia hanno ottenuto il finanziamento 17 Istituti: le scuole superiori IISS Ettore Majorana di Seriate, IS Archimede di Treviglio, ISIS Natta di Bergamo, ITIS Paleocapa di Bergamo, Liceo Secco Suardo di Bergamo e gli istituti comprensivi di Verdello, Ponte Nossa, Sedrina, Mapello, Valnegra, Arcene, Covo, Almenno San Salvatore, Gazzaniga, Albino, Savoia-Nullo e Mazzi di Bergamo. “Sulla scuola digitale puntiamo molto - continuano i parlamentari leghisti - affinchè la didattica deve essere modernizzata per restare al passo con i tempi; abbiamo insistito con il ministro perchè fossero integrati i fondi per migliorare gli impianti informatici negli istituti scolastici e per questo non possiamo che accogliere con favore queste ulteriori risorse per una moderna istruzione delle future generazioni".

18 settembre 2019 (mercoledì)

COMUNICATO STAMPA – RIBOLLA (LEGA): “BASTA DAR LUSTRO SOLO ALLE ASSOCIAZIONE ROSSE”

“In occasione della settimana europea della mobilità del Comune di Bergamo, sono state previste diverse iniziative con associazioni bergamasche protagoniste nel campo della mobilità sostenibile. Anche in queste occasioni, l’Amministrazione non perde occasione per creare divisioni e porre barriere ideologiche a temi che non ne dovrebbero avere. Proprio oggi, infatti, in occasione di un convegno con gli studenti dell’Università di Bergamo, al quale saranno presenti alcuni esponenti della Giunta comunale, sono state invitate, per portare alcune testimonianze, diverse associazioni molto vicine alla sinistra, scordandosi invece di altre realtà che esistono sul nostro territorio da molti anni e che hanno fatto molto per Bergamo ma che non sono schierate politicamente. Penso ad esempio all’associazione A.ri.bi, che svolge una collaborazione decennale con le amministrazioni comunali di Bergamo, promuovendo corsi di sensibilizzazione alla mobilità sostenibile nelle scuole, e che per anni è stata il faro di riferimento dei ciclisti bergamaschi, non invitata a questa manifestazione perché non allineata. Bisogna quindi smetterla di dar lustro solo alle associazioni di un certo colore politico ed escluderne altre: il mondo dell’attivismo e dell’impegno sociale ha molte sfaccettature e sensibilità. Non si strumentalizzino temi fondamentali per tutti i cittadini per una manciata di voti in più.”

18 settembre 2019 (mercoledì)

GOVERNO. I PARLAMENTARI BERGAMASCHI DELLA LEGA “Il Conte bis è un Governo senza dignità che non rappresenta gli italiani, l’unica soluzione è il voto”

“Le dichiarazioni programmatiche del Presidente del Consiglio Conte di questa mattina a Montecitorio sono state l’ennesima presa in giro degli italiani. La vera Italia era in piazza con Matteo Salvini - dichiarano i parlamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Rebecca Frassini, Simona Pergreffi, Cristian Invernizzi, Daisy Pirovano, Tony Iwobi e Alberto Ribolla - e chiedeva a gran voce di tornare a votare. Il Palazzo non rappresenta la maggioranza degli italiani, chi è sceso in piazza non vuole politici incollati alle poltrone, non vuole inciuci né essere governato da chi le ultime elezioni le ha perse”. E sul discorso di Conte i parlamentari della Lega aggiungono: “Non faremo sconti a questo Governo e continueremo a difendere con forza il Decreto sicurezza che ha portato anche nella nostra provincia a risultati epocali sul fronte della lotta alla criminalità e all’immigrazione incontrollata (-64% di furti) così come ci opporremo a qualsiasi cambiamento che riguardi la Legge Fornero o Quota 100”. “Sull’autonomia, che i bergamaschi hanno votato a larga maggioranza - ribadiscono i parlamentari leghisti - non siamo più disposti a subire i ritardi che il presidente Conte ha imposto e nemmeno alle prese in giro delle vacue parole sull’autonomia di stamattina”.

17 settembre 2019 (martedì)

RIBOLLA (LEGA) : "CELADA IN STRADA, PER GLI AMICI DEL PD LE REGOLE NON VALGONO?"

"Anche quest'anno apprendo che l'evento Celada in strada, organizzato dal Comitato di Lotta per la casa, andrà regolarmente in scena questo week end. Proprio in questo momento i cittadini del quartiere mi hanno comunicato che sono in corso i preparativi per la manifestazione. Essendo ormai arrivati alla sesta edizione, ogni anno riscontriamo irregolarità nei permessi per poter svolgere tale manifestazione compresa la mancanza di licenza per la somministrazione di cibi e bevande alcoliche. Da una parte si impongono norme sempre piu restrettive per i ristoratori ed i gestori di locali della città (che devono pagare tasse, permessi, autorizzazioni ecc), dall'altra, invece, si applica una politica di totale libertà per quanto riguarda i soliti anarchici dei centri sociali. Ma per gli amici del PD le regole non valgono? Ritengo sia grave far passare l'idea che alcuni cittadini valgano più di altri solamente perché appartenenti ad un certo colore politico. Ci aspettiamo che Sindaco e Giunta intervengano per far rispettare le leggi alle quali tutti i normali cittadini sono obbligati a sottostare" Così dichiara l’on. Alberto Ribolla, Capogruppo della Lega in Consiglio Comunale

13 settembre 2019 (venerdì)

Ribolla (Lega) : "Mostra dedicata ai migranti? Basta strumentalizzare la festa di tutti i bergamaschi”

"Ancora una volta l'Amministrazione Comunale di Bergamo, tramite l'Assessore Ghisalberti, non perde l’occasione per strumentalizzare quella che è una festa per tutti i cittadini bergamaschi, riproponendo la solita retorica buonista pro-migranti, peraltro di fatto smentita anche dallo stesso autore dell’opera artistica commissionata per la festa del nostro Patrono. Trovo assurdo che un’occasione di festa e di condivisione per tutta la comunità venga stravolta a tal punto da creare divisioni tra i cittadini che hanno sensibilità diverse su alcuni temi. Ricordo alla Giunta Gori che con il blocco degli sbarchi sono calati i morti e si è bloccato il traffico di esseri umani gestito da bande di integralisti Così dichiara Alberto Ribolla parlamentare della Lega e Capogruppo in Consiglio Comunale

27 agosto 2019 (martedì)

COMUNICATO STAMPA- VIADOTTO BOCCALEONE, RIBOLLA (LEGA): “ENORMI DISAGI PER GLI AUTOMOBILISTI, SI LAVORI ANCHE DI NOTTE”.

“Sono iniziati ormai da alcune settimane i lavori che interessano il viadotto di Boccaleone. In questo arco di tempo ho ricevuto moltissime segnalazioni da parte di cittadini che lamentano continui disservizi. Negli ultimi giorni, in particolare, anche la corsia verso il rondò delle valli è stata dimezzata, creando intasamenti a tutte le ore che arrivano fino all’uscita dell’autostrada e che creano enormi disagi al traffico cittadino ed a quello diretto alle valli Seriana e Brembana. Non capisco perché, in un cantiere che interessa un’arteria fondamentale per la viabilità della Città di Bergamo e della Provincia, possano lavorare solamente tre persone. E soprattutto mi stupisce il fatto che durante le ore notturne i lavori siano completamente fermi. La sicurezza per i cittadini è fondamentale e la manutenzione del viadotto non era più rinviabile (dopo i ritardi degli scorsi mesi) ma ai cittadini bergamaschi devono essere garantite condizioni minime di viabilità e lavori celeri. Chiedo con urgenza all’Amministrazione Comunale di intervenire per risolvere gli enormi disagi che il cantiere sta creando, sollecitando le ditte appaltatrici a lavorare H24 e con un maggior numero di operai”. Così dichiara Alberto Ribolla, Deputato e Capogruppo della Lega in Consiglio Comunale

23 luglio 2019 (martedì)

Carceri. A Bergamo in arrivo 11 agenti della Polizia Penitenziaria. I parlamentari della Lega: “Un’altra risposta concreta del Governo alla carenze di organico delle forze dell’ordine ereditate nella bergamasca”

A partire dai primi di agosto 1.162 nuovi agenti di Polizia Penitenziaria (tra cui 877 uomini e 285 donne) verranno assegnati alle strutture carcerarie dislocate in tutte le regioni italiane dopo il giuramento del 31 luglio prossimo. “Sul nostro territorio - dichiarano i parlamentari bergamaschi Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Rebecca Frassini, Tony Iwobi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi e Daisy Pirovano - sono stati assegnati dieci uomini e una donna. Un risposta concreta alla cronica carenza di organico lamentata giustamente da chi opera negli istituti carcerari. Un intervento, quello dell’attuale Governo, reso possibile soprattutto al lavoro del sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone”. Continua l’impegno del Governo sul fronte del potenziamento delle forze dell’ordine avviato dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha già portato nella nostra provincia importanti risultati: l’aumento dell’organico della polizia (47 nuovi poliziotti, secondi solo a Milano nei rinforzi), il mantenimento di presidi sul territorio come la Polizia Stradale di Treviglio, la nuova caserma della Guardia di Finanza a Grumello, la caserma dei Carabinieri di Zingonia promossa a Tenenza, l’arrivo di 35 nuovi carabinieri, l’ampliamento del Commissariato di Treviglio e l’abbattimento delle torri del degrado e dello spaccio di Zingonia. “Il Governo ha ascoltato il grido d’allarme sulla situazione di molti istituti carcerari, tra cui la struttura cittadina di via Gleno - spiegano i parlamentari bergamaschi della Lega - critica sotto più aspetti, ed è passato ai fatti dopo l’irresponsabile disattenzione e i tagli indiscriminati al personale operati dai passati esecutivi nazionali. Questo dimostra l’attenzione verso tutti coloro che operano per la sicurezza. L’ obiettivo in questo caso è migliorare la vita degli agenti e accrescere anche la loro stessa sicurezza, oltre che rendere più accettabili, per quanto possibile, le condizioni di vita nelle strutture penitenziarie”.

17 luglio 2019 (mercoledì)

COMUNICATO STAMPA LEGA - A FIANCO DEI SINDACATI DELLE FORZE DELL'ORDINE PER L'INTRODUZIONE DEL TASER

"Grazie al Decreto Sicurezza fortemente voluto dal Ministero dell’Interno, gli agenti di polizia di molte città italiane verranno dotati di taser anti-aggressione. Siamo dunque a fianco dei sindacati delle forze dell'ordine che chiedono che anche la polizia locale di Bergamo possa usufruire delle nuove strumentazioni in materia di sicurezza - dichiarano i consiglieri della Lega. Il Sindaco Gori e l'Assessore Gandi non perdano l'occasione per condividere una proposta di buonsenso e soprattutto voluta dagli stessi agenti. Quando si parla di sicurezza le ideologie non possono condizionare scelte così importanti. Ci aspettiamo - concludono i Consiglieri - che la Giunta operi con il Governo centrale nello spirito di condivisione dichiarato anche durante la prima seduta del Consiglio Comunale".

04 luglio 2019 (giovedì)

ON. GRIMOLDI E RIBOLLA (LEGA). CONSIGLIO D'EUROPA.COMMISSARIO MIJATOVIC INTIMA A ITALIA DI APRIRE PORTI A NAVI ONG? MA LA SUA BOSNIA QUANTI IMMIGRATI SI È PRESA FINORA?

18 GIU - È incredibile che il Consiglio d’Europa - un organismo che con i fatti ha dimostrato di essere antidemocratico, impedendo la nascita del nostro nuovo gruppo, cambiando in corsa le regole e facendo attività di dossieraggio sui parlamentari ritenuti scomodi di forze politiche come la Lega, il Front National, l’FPO, l’AFD - oggi arrivi a bacchettare l’Italia attraverso Dunja Mijatovic, commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, nel documento sulla protezione di rifugiati e migranti nel Mediterraneo reso noto oggi, mettendo sotto accusa le politiche migratorie italiane. Da che pulpito parla la signora Mijatovic che intima all’Italia di ‘mettere fine alla politica di chiudere i porti per tutte le ong, di proibire la navigazione in acque territoriali’. Siamo uno Stato sovrano e decidiamo noi chi entra nelle nostre territoriali, in base alle nostre leggi per la nostra sicurezza. Detto questo, signora Mijatovic la sua Bosnia in questi anni quanti immigrati africani si è presa in carico? Facile sentenziare dal pulpito, facile predicare bene, quando poi con i fatti si razzola male... Lo affermano i parlamentari della Lega nella delegazione italiana al Consiglio d'Europa On. Paolo Grimoldi e On. Alberto Ribolla.

18 giugno 2019 (martedì)

PASSAGGIO A LIVELLO A CURNO - ON.RIBOLLA (LEGA): I LAVORI VENGONO POSTICIPATI, GIA' SOTTOPOSTO IL PROBLEMA AD ASSESSORE TERZI

In merito alla problematica dell’allungamento dei tempi del passaggio a livello di via Fermi a Curno (Bg) da 50 secondi a 6/7 minuti, ho interessato negli scorsi giorni l’Assessore ai Trasporti di Regione Lombardia Claudia Terzi, che si è prontamente attivata per avere un’interlocuzione con RFI. E’ evidente che i previsti lavori debbano essere posticipati e coordinati con il già previsto raddoppio ferroviario Ponte S. Pietro – Montello. È infatti importante evitare che un nodo fondamentale per la viabilità, come questo, possa essere oggetto di modifiche tanto negative che inciderebbero sulla qualità della vita dei residenti della Città di Bergamo, del Comune di Curno e dell’intero hinterland bergamasco. Così dichiara il Deputato della Lega On. Alberto Ribolla, Consigliere Comunale di Bergamo

04 giugno 2019 (martedì)

BERGAMO MOTORIZZAZIONE. FRASSINI, BELOTTI E RIBOLLA (LEGA) SOLLECITANO IL MINISTRO TONINELLI SULLE ASSUNZIONI DEL NUOVO PERSONALE

Da mesi l'ufficio della motorizzazione civile della città di Bergamo è nel caos per mancanza di personale con conseguenti lamentele e disagi degli utenti nell'evasione delle pratiche, in particolare per i ritardi sugli esami delle patenti. I parlamentari della Lega Rebecca Frassini (prima firmataria dell’interrogazione al ministro dei Trasporti insieme ai colleghi deputati Daniele Belotti e Alberto Ribolla ) sollecitano di nuovo il ministro Toninelli ad intervenire e a mantenere quanto promesso nei mesi scorsi. Era il 5 giugno quando i parlamentari bergamaschi della Lega chiedevano conto al Governo della carenza di personale presso l'ufficio della motorizzazione civile della città di Bergamo. Per far fronte a tale situazione si era intervenuto dapprima a livello strutturale aumentando la potenzialità delle aule adibite allo svolgimento degli esami quiz informatizzati: dal 5 luglio 2018 il numero dei posti utili per aula è passato da 14 a 30. “In merito alla carenza del personale, in risposta alla nostra interrogazione - spiegano i parlamentari bergamaschi - il Ministro Toninelli dichiarò che era stato recentemente bandito un concorso per la figura professionale di funzionario ingegnere, di cui sei destinati alla Motorizzazione di Bergamo e alle relative sezioni di Como, Lecco e Sondrio. E che sarebbe stato garantito l'impiego di due operatori alla settimana messi a disposizione dalla sede centrale di Roma”. Ad oggi non si è visto nulla. “Nonostante tali rassicurazioni - dichiarano Frassini, Belotti e Ribolla - la situazione rispetto allo scorso anno non è ancora mutata: continua il calo degli esami calendarizzati dalla Motorizzazione per carenze di personale e, di conseguenza, aumentano i tempi per fare la patente (in media 10 mesi)”. A breve andranno in pensione 3 persone di cui 2 esaminatori e ciò comporterà un ulteriore calo di personale e un inevitabile aumento dei disagi per gli utenti: “ A questo punto vogliamo sapere rispetto al bando nazionale di concorso - continuano i parlamentari dellaLega - quanto tempo trascorrerà dall'assunzione all'effettiva immissione in servizio e se l'impiego presso la motorizzazione civile di Bergamo di due operatori a settimana messi a disposizione dalla sede centrale di Roma sia stata effettivamente perfezionata”

31 maggio 2019 (venerdì)

COMUNICATO STAMPA – RIBOLLA (LEGA) : “L’AMMINISTRAZIONE ADERISCA ALLA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE E LA SMETTA DI VESSARE I CITTADINI”

“17 milioni è la cifra record che il Comune di Bergamo ha raggiunto relativamente all’ammontare delle tasse e delle multe non riscosse negli scorsi anni. In questi anni ho criticato più volte le politiche messe in atto dall’amministrazione in materia di contravvenzioni stradali (12,7 milioni solo per queste ultime), una vera e propria azione vessatoria nei confronti dei cittadini Bergamaschi. L’elemento anacronistico della vicenda è che di questa enorme cifra, come riportato anche da diverse testate locali, più della metà non viene riscossa. Con l’approvazione del Decreto Crescita, fortemente sostenuto dalla Lega, si prevede la cosiddetta “definizione agevolata”, un provvedimento che semplifica la rottamazione delle cartelle esattoriali, anche per gli enti locali su base volontaria. Mi stupisce che il Vicesindaco e Assessore al Bilancio Gandi si dichiari contrario ad un provvedimento che permetterebbe di riscuotere almeno parte di ciò che il Comune dovrebbe incassare, incentivando i contribuenti a pagare quanto dovuto attraverso la cancellazione degli interessi e delle sanzioni relative agli anni precedenti (ad eccezione delle stesse multe stradali per le quali si applica la cancellazione dei soli interessi); forse, pur di non dare ragione alla Lega, l’Assessore Gandi preferisce che le casse comunali rimangano piene di crediti insoluti”. Lo dichiara il deputato bergamasco della Lega Alberto Ribolla, capogruppo in Consiglio Comunale

30 aprile 2019 (martedì)

COMUNICATO STAMPA – SICUREZZA, RIBOLLA (LEGA): SOLITI ANNUNCI MA LA SOSTANZA DOV’È?

“Il Sindaco Gori annuncia per l’ennesima volta che ci sarà un aumento delle Forze della Polizia Locale in città. Peccato che durante i cinque anni di amministrazione targata PD si sia fatto pochissimo in tal senso e che la Giunta Gori abbia bloccato i bandi di assunzione fino a trovarsi, nel 2017, con il minimo numero di agenti di Polizia Locale. Lo stesso vale per la nostra richiesta di avere agenti nelle strade, a piedi o in bicicletta, per monitorare il territorio. Se parliamo poi della videosorveglianza, la situazione diventa tragicomica. Durante il corso della legislatura ho presentato svariati ordini del giorno per estendere i sistemi di videosorveglianza. Ora, ad un mese dalla fine del mandato, il Sindaco, dopo non essere riuscito in 5 anni a mettere in funzione neanche le poche nuove telecamere promesse, dichiara che farà un elenco delle nuovi postazioni da installare. Basta annunci e basta prese in giro. I fatti della Giunta Gori in tema di sicurezza - praticamente nulli - valgono molto più di qualche promessa elettorale e siamo certi che i cittadini di Bergamo lo capiscono benissimo!“ Lo dichiara il deputato bergamasco della Lega Alberto Ribolla, capogruppo in Consiglio Comunale.

25 aprile 2019 (giovedì)

Imbrattata sede Lega Bergamo: Ribolla (Lega), vigliacchi ci danno ancora più forza

Roma, 24 apr. – “Ai poveracci che questa notte hanno vandalizzato la sede elettorale della Lega di Bergamo diciamo solo che questi gesti vigliacchi non ci fermano, anzi, sono la prova che Matteo Salvini sta lavorando bene per il Paese. Questa è la presunta democrazia di chi non accetta nessun contraddittorio e ai fatti concreti che la Lega sta mettendo in atto per i cittadini risponde con minacce di morte, atti vandali e azioni violente. Questa sera alle 18 Matteo Salvini sarà a Bergamo ancora più convinto di andare avanti nel suo lavoro a testa alta. I vigliacchi rossi se ne facciano una ragione”. Lo dichiara il deputato bergamasco della Lega Alberto Ribolla, capogruppo in Consiglio Comunale.

24 aprile 2019 (mercoledì)

COMUNICATO STAMPA TAGLI PENSIONI – PARLAMANTARI LEGA BG: “I SINDACATI DIFFONDONO COMUNICATI EQUIVOCI NON CITANDO LE CIFRE. PER 28 CENTESIMI PROCLAMANO MOBILITAZIONI GENERALI? COSI’ PRENDONO IN GIRO I PENSIONATI”

"Spiace vedere i sindacati diffondere un comunicato palesemente strumentale ed equivoco - dichiarano i parlamentari leghisti bergamaschi Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Toni Iwobi, Daisy Pirovano, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini -. Alla faccia dell'informazione corretta e della trasparenza verso i pensionati, si parla di tagli delle pensioni quando invece si tratta solo di una riduzione, per altro minima, dell'aumento dell'importo mensile calcolato in base all'adeguamento al costo della vita. Costo della vita che, ricordiamo, era stato bloccato con la riforma Fornero, mentre nel 2017 è stato pari allo 0% perchè non c'era stata inflazione e che nel 2018 era all'1%". "Al di là dei dettagli tecnici - chiedono i parlamentari leghisti - perchè nel comunicato dei sindacati non vengono citate le cifre di questi famigerati tagli, ripetiamo non alla pensione, ma all’adeguamento al costo della vita? Semplicemente perchè fino a 1522 euro non è prevista alcuna riduzione, mentre per le pensioni da 1522 a 2029 euro lordi, che rappresentano la metà dei pensionati italiani, stiamo parlando di 28 centesimi al mese, pari a 3 caffè all’anno a fronte di 18/25.000 euro annui". "E i sindacati - concludono i parlamentari bergamaschi - per questo minacciano pure manifestazioni generali che non hanno fatto nemmeno quando é stata approvata la vergognosa legge Fornero per 28 centesimi che servono per legittimare il taglio delle pensioni d'oro?" "Spiace vedere i sindacati diffondere un comunicato palesemente strumentale ed equivoco - dichiarano i parlamentari leghisti bergamaschi Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Toni Iwobi, Daisy Pirovano, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini -. Alla faccia dell'informazione corretta e della trasparenza verso i pensionati, si parla di tagli delle pensioni quando invece si tratta solo di una riduzione, per altro minima, dell'aumento dell'importo mensile calcolato in base all'adeguamento al costo della vita. Costo della vita che, ricordiamo, era stato bloccato con la riforma Fornero, mentre nel 2017 è stato pari allo 0% perchè non c'era stata inflazione e che nel 2018 era all'1%". "Al di là dei dettagli tecnici - chiedono i parlamentari leghisti - perchè nel comunicato dei sindacati non vengono citate le cifre di questi famigerati tagli, ripetiamo non alla pensione, ma all’adeguamento al costo della vita? Semplicemente perchè fino a 1522 euro non è prevista alcuna riduzione, mentre per le pensioni da 1522 a 2029 euro lordi, che rappresentano la metà dei pensionati italiani, stiamo parlando di 28 centesimi al mese, pari a 3 caffè all’anno a fronte di 18/25.000 euro annui". "E i sindacati - concludono i parlamentari bergamaschi - per questo minacciano pure manifestazioni generali che non hanno fatto nemmeno quando é stata approvata la vergognosa legge Fornero per 28 centesimi che servono per legittimare il taglio delle pensioni d'oro?"

31 marzo 2019 (domenica)

COMUNICATO STAMPA. Fassi/Ribolla/Pecce "Gori predica bene ma razzola male"

Sono iniziati i lavori per il restyling di Piazzale Alpini e i cittadini si stanno rendendo conto di quanto sarà invasivo -dichiarano i Consiglieri comunali Alberto Ribolla e Luisa Pecce. L’abbattimento degli alberi di grandi dimensioni e il costoso trasloco di una ventina di piante hanno scatenato le proteste ma questo è solo il primo passo di una trasformazione indigesta a tanti bergamaschi. L’amministrazione Gori- sottolineano i consiglieri- spende ben 2 milioni di euro per una piazza che è stata riqualificata solo nel 2010 per la storica adunata degli alpini . Oltre agli alberi, spariscono le fontane del monumento e una bella fetta di verde che sarà sostituito da cemento, con inevitabile perdita di suolo permeabile e di valore ambientale. Avremo la piazza più grande di Bergamo, sicuramente più squallida e meno ombreggiata di quella attuale perché privata di fatto di una trentina di piante e senza garanzie che sia più sicura, visto che l’unica attività prospettata seriamente per ora è il mercato del lunedi. Questo progetto è tra i più deleteri a scapito del verde, insieme alla mattanza di almeno 6 alberi secolari alti 15 metri abbattuti in via xxiv maggio per lasciare posto ad una ciclabile. Nel frattempo appare davvero singolare che si stia preparando una “Lista Verde” a sostegno del Sindaco uscente che nella gestione e manutenzione del verde non ha certo brillato nelle scelte e nell’ efficienza." "Tutto ciò dimostra l'incoerenza di Gori" puntualizza il Segretario cittadino Serena Fassi"che venerdì era in prima fila alla manifestazione sul clima e oggi, non si fa remore ad abbattere alberi che tutti ricordano dall'infanzia. Ma del resto non è nuovo a tali pratiche, recentemente è stato fermato dai residenti del quartiere Santa Lucia, perché voleva abbattere le splendide magnolie nella piazzetta del quartiere. Se questa solerzia fosse stata utilizzata per la cura del verde pubblico, non avremmo assistito al formarsi di una vera e propria GIUNGLA in tutti i quartieri della città! "

22 marzo 2019 (venerdì)

LEZIONE ANTI GOVERNO DELLA RUAH CON RICHIEDENTI ASILO AL SARPI RIBOLLA E BELOTTI: “INTERROGAZIONE AL MINISTRO, LA POLITICA RESTI FUORI DALLE SCUOLE”

Nella giornata odierna, presso il Liceo Sarpi di Bergamo, si è tenuto un convegno organizzato da alcuni docenti ed autorizzato dal Preside, relativo al tema migranti; a tale convegno hanno partecipato alcuni richiedenti asilo ed una rappresentante della Cooperativa Ruah di Bergamo. “Nel corso del convegno - denunciano l’on. Alberto Ribolla, deputato della Lega e capogruppo in Consiglio Comunale, e l’on. Daniele Belotti, deputato Lega e capogruppo in Commissione Istruzione alla Camera - oltre alla presentazione delle storie personali dei richiedenti asilo, e della spiegazione del sistema di accoglienza, sono state rilevate delle critiche nei confronti del Governo in carica relativamente alle politiche di gestione dell’immigrazione e delle espulsioni.” “In particolare, da parte della rappresentante della cooperativa - continuano gli onorevoli Ribolla e Belotti - sono state espresse considerazioni negative sula linea politica del governo e sul suo operato e sarebbero state espresse chiare diversità di vedute, neanche celate, in merito; inoltre, reati, quali furti e spaccio, sarebbero stati giustificati dal reato di clandestinità, che obbligherebbe i migranti a delinquere.” “Riteniamo che ciò che è accaduto oggi al Liceo Sarpi di Bergamo sia gravissimo – concludono Ribolla e Belotti - ancor più se consideriamo che il dibattito è stato unidirezionale e senza alcun contraddittorio. Per questi motivo presenteremo un’interrogazione al Ministro dell’Istruzione.”

13 marzo 2019 (mercoledì)

Disastro aereo in Etiopia. I parlamentari bergamaschi: “Ci siamo attivati presso la Farnesina per dare massimo supporto alle famiglie degli italiani coinvolti”

I parlamamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Rebecca Frassini, Daisy Pirovano, Tony Iwobi e Alberto Ribolla si sono attivati immediatamente presso il Ministero degli Esteri affinché l'Unità di Crisi possa offrire tutta l'assistenza possibile alle famiglie degli italiani a bordo del velivolo dell'Ethiopian Airlines decollato da Addis Abeba e diretto a Nairobi che si è schiantato al suolo dopo pochi minuti dalla partenza. "Esprimiamo la nostra vicinanza alle famiglie degli italiani coinvolti nell’incidente aereo, mettendoci a completa disposizione della onlus bergamasca che aveva tre suoi associati a bordo del velivolo - dichiarano i parlamentari leghisti -. Continuiamo a tenere i contatti con la Farnesina per avere notizie certe".

10 marzo 2019 (domenica)

IN ARRIVO DAL MIUR 3,6 MILIONI DI EURO PER GLI IMPIANTI ANTICENDIO DI 65 SCUOLE BERGAMASCHE I PARLAMENTARI LEGA BG: “CONTINUIAMO L'AZIONE DI PRESSING PER IL NOSTRO TERRITORIO”

"Il Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha previsto uno stanziamento di 3.621.000 euro per l'adeguamento alla normativa antincendio di 65 scuole della Bergamasca". Ad annunciarlo i parlamentari orobici della Lega Daniele Belotti, Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Tony Iwobi, Daisy Pirovano, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini. "Si tratta un cospicuo intervento che vede il Miur investire a livello nazionale ben 114 milioni per oltre 2.000 scuole - spiegano i parlamentari leghisti -. A Bergamo sono interessati edifici scolastici di ogni grado. In particolare per gli istituti superiori l'Amministrazione Provinciale riceverà 2.880.000 euro per 48 interventi in città, ad Albino, Alzano Lombardo, Caravaggio, Clusone, Dalmine, Gazzaniga, Lovere, Nembro, Presezzo, Romano di Lombardia, San Pellegrino, Seriate, Trescore Balneario, Treviglio, Zogno". "Saranno beneficiati anche alcuni comuni della nostra provincia per le scuole primarie e secondarie di primo grado - continuano i parlamentari bergamaschi -: Albino, Camerata Cornello, Ciserano, Cividate al Piano, Lurano, Osio Sopra, Trescore Balneario, Verdellino, con 50.000 euro ognuno, Borgo di Terzo (48.100 euro), Nembro (150.000 per 3 interventi), Terno d'Isola (31.000 euro) e Verdello (112.000 euro per 3 interventi)". "Come deputati e senatori del territorio - sottolineano i parlamentari leghisti - continuiamo la nostra azione di massima attenzione alle esigenze della nostra provincia con un pressing a tutto campo nei vari ministeri seguendo passo passo le varie richieste che arrivano dagli enti locali orobici". “Con queste risorse avviamo per la prima volta uno specifico Piano per l’antincendio, dando alle comunità scolastiche risposte attese da anni. La sicurezza dei nostri istituti e quindi dei nostri ragazzi passa anche da questo - dichiara il Ministro Bussetti -. Non possiamo tralasciare alcun aspetto. Questo stanziamento conferma ancora una volta la grande attenzione di questo Governo all’edilizia scolastica. I 114 milioni costituiscono una prima tranche di fondi attraverso i quali ottenere la certificazione antincendio, ai quali seguiranno altri investimenti. Lavoreremo, inoltre, con gli Enti locali per portare avanti questo impegno”. Gli Enti Locali che beneficeranno di queste risorse avranno 12 mesi di tempo per aggiudicare i lavori di adeguamento alla normativa antincendio e potranno richiedere subito, all’atto del finanziamento, l’anticipazione del 20% dei fondi

26 febbraio 2019 (martedì)

COMUNICATO STAMPA LA GIUNTA GORI DEMOLISCE LA FAMIGLIA TRADIZIONALE: CORSI GENDER NEGLI ASILI E NELLE LUDOTECHE A SPESE DEI CONTRIBUENTI

Il Comune di Bergamo si lancia nella teoria gender che vuole demolire la famiglia tradizionale in nome del transessualismo. "L'assessorato all'Istruzione - dichiarano i deputati Daniele Belotti, capogruppo Lega in commissione istruzione alla Camera e Alberto Ribolla, parlamentare e capogruppo consiliare della Lega in Comune a Bergamo - sta operando con l'Associazione Immaginare Orlando e la Cooperativa Impresa Sociale Hg80 per un progetto finalizzato a disconoscere la distinzione, basata sul genere, tra maschio e femmina, tanto da chiedersi se "sia davvero così opportuna e utile". "Sul sito www.bambiniegenitori.bergamo.it, curato dall'assessorato istruzione, del Comune di Bergamo - continuano Belotti e Ribolla -, alla pagina Edublog, nell'articolo "Rosa o azzurro?", si legge: " … e se guardassimo con occhi diversi …se provassimo invece a vedere una bambina e un bambino aprendo a ciascuno tutte le possibilità di essere fata o principe indistintamente dal sesso che li caratterizza anatomicamente? … e se lasciassimo che ciascuno possa scegliere il gioco o il giocattolo che in quel momento più lo appassiona … se un bimbo volesse una cucinetta e si vestisse con scarpette luccicanti e borsa a tracolla … E se invece fosse una bimba a chiede il gioco del meccanico o del falegname ...che cosa ci susciterebbero queste richieste? …quali reazioni potremmo avere? …quali pensieri scatenerebbero? Fermarsi un attimo a riflettere sarebbe un grande passo, provare a guardare senza retropensieri e immaginari dettati solo da stereotipi sarebbe l’ideale. Non si tratta di preferire femmine che giochino a soldatini o maschi che coccolino le bambole, ma di prendersi il tempo per guardare la persona, bambina o bambino che sia, lasciando a ciascuno lo spazio per esplorare il proprio personale modo di essere, di sentire, di fare, apprezzandone l’unicità e la complessità, senza appiccicare etichette semplificanti". La famiglia tradizionale è un cardine della nostra società e questo progetto della giunta Gori, che parte fin dagli asili nido e coinvolge le ludoteche comunali, punta chiaramente a minarne le fondamenta. "Chiediamo al sindaco Gori - concludono i deputati leghisti - di interrompere questo progetto che prevede "un percorso formativo, attorno al tema dell’Educare alle differenze, che coinvolgerà in momenti e in modi diversi educatrici ed educatori dei Nidi comunali e accreditati, le Ludoteche comunali in collaborazione col Consorzio Solco Città Aperta e i Gruppi di Discussione per genitori del Comune di Bergamo". La famiglia va difesa non certo demolita, fin dall'età infantile, nei suoi valori fondanti, per di più a spese dei contribuenti; ci piacerebbe, infatti, sapere quanto costa questo progetto e a quanto ammonta l'incarico all'Associazione Immaginare Orlando e alla Cooperativa Impresa Sociale Hg80". Al riguardo il gruppo consiliare della Lega presenterà un'interrogazione al sindaco Gori e all'assessore all'istruzione Loredana Poli.

18 febbraio 2019 (lunedì)

DECRETO SEMPLIFICAZIONE. LA CONCESSIONE DELLE CENTRALI IDROELETTRICHE ALLE REGIONI E ALLE PROVINCE. A BERGAMO 2,5 MILIONI DI EURO. LA LEGA: “GRANDE VITTORIA FEDERALISTA”

Il Decreto semplificazione approvato oggi alla Camera prevede che le concessioni per le centrali idroelettriche passino dallo Stato alle Regioni e alle Province a titolo gratuito. Alla scadenza delle concessioni e nei casi di decadenza o rinuncia, infatti, si prevede il passaggio della titolarità alle Regioni. Per la Lombardia e Bergamo è un “risultato eccezionale nell’ottica del federalismo” dichiarano i parlamentari bergamaschi della Lega spiegano Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Toni Iwobi, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi, Rebecca Frassini e Daisy Pirovano. Ci saranno più soldi per Regioni e Province e anche per i Comuni dove dighe e centrali sono installate. Prevista anche l’opzione di partenariato pubblico-privato che potrebbe coniugare sensibilità rispetto agli interessi generali, ad esempio i rilasci, la tutela della flora e della fauna, i livelli dei laghi e le esigenze agricole, a professionalità di gestione e capacità di massimizzare i proventi. I canoni delle grandi derivazioni idroelettriche collegati alla rendita saranno destinati ai territori provinciali. Per la provincia di Bergamo sono previsti circa 2,5 milioni di euro l’anno. Le Regioni potranno chiedere a costo zero una parte dell’energia prodotta su tutte le grandi derivazioni, che potrà essere utilizzata nell’ambito dei servizi pubblici, ad esempio per gli ospedali di montagna. Energia che per almeno il 50% dovrà essere destinata alle Province che ospitano le dighe. L’ elettricitá inoltre sarà gratuita per quei Comuni che hanno sul loro territorio gli impianti idroelettrici. I servizi pubblici saranno dunque a costo zero. “E’ una vittoria federalista della Lega - dichiarano I parlamentari leghisti bergamaschi - è il primo passo verso l’autonomia. Per le realtà montane, inoltre, è una boccata d’ossigeno fondamentale nell’ottica di un rilancio economico perchè potranno utilizzare una parte importante dei proventi generati dalle proprie centrali idroelettriche. Come Lega siamo molto orgogliosi di questo risultato”.

08 febbraio 2019 (venerdì)

CARABINIERI A BERGAMO – I PARLAMENTARI LEGA BG REPLICANO ALL’ON. FONTANA: “ALTRO CHE DELUSIONE, SONO ARRIVATI 35 RINFORZI. MAI VISTO IN 30 ANNI”

“L’on Gregorio Fontana – dichiarano i parlamentari leghisti Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Cristian Invernizzi, Tony Iwobi, Alberto Ribolla, Rebecca Frassini - si dice deluso perché il ministro della Difesa Elisabetta Trenta non avrebbe concesso un incremento dell’organico dei Carabineri in servizio nella Provincia di Bergamo. Peccato che però non abbia considerato i 35 carabinieri annunciati a novembre destinati nelle compagnie di Bergamo (14), Treviglio (13) e nelle caserme di Zogno (5) e Clusone (3)”. “Nella risposta – continuano i parlamentari leghisti – non sono compresi questi rinforzi che sono già stati dati per acquisiti. Anche noi, come Fontana, ne vorremmo tanti altri, ma va comunque considerato come 35 nuovi carabinieri in bergamasca sono un fatto eccezionale, mai verificatosi negli ultimi 30 anni. La Lega ha puntato tantissimo sulla sicurezza, con una politica di fatti e non certo di propaganda o peggio, come dice Fontana, di prese in giro”. “A chi è smemorato – concludono Calderoli, Belotti, Pergreffi, Invernizzi, Iwobi, Ribolla, Frassini – oltre ai 35 nuovi carabineri, ricordiamo i risultati concreti in tema di sicurezza di questo governo in Bergamasca: in soli 8 mesi è stato sbloccato l’ampliamento del commissariato di Treviglio, confermato il distaccamento di Polizia Stradale di Treviglio, garantiti 47 nuovi poliziotti, nuova caserma della Guardia di Finanza a Grumello del Monte, finanziati 168.000 euro per la videosorveglianza del comune di Bergamo, concessa la possibilità ai comuni di poter assumere nuovi agenti di polizia locale. Questi sono fatti, altro che delusioni o prese in giro”.

07 febbraio 2019 (giovedì)

ALTRI FONDI SCUOLA DIGITALE: TRA I 60 PROGETTI FINANZIATI DAL MIUR ANCHE SUISIO E CALCIO

Ci sono anche l’istituto comprensivo di Calcio “Martiri della Resistenza” e quello di Suisio “Rita Levi Montalcini” tra le 60 scuole premiate dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca nel bando per la “creazione di ambienti digitali di apprendimento soprattutto a partire dalla primaria e secondaria di primo grado. “Ogni scuola - dichiarano i parlamentari leghisti bergamaschi Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi, Tony Iwobi, Rebecca Frassini - riceverà di un finanziamento di 35.000 euro per la realizzazione di laboratori, nell’ambito di un fondo complessivo di 2,1 milioni di euro, messo a disposizione dal ministro Marco Bussetti, a cui potrebbero aggiungersi in futuro altri 30.000 euro per la formazione del personale scolastico alla didattica innovativa”. “E’ un contributo - continuano i parlamentari leghisti - rivolto al contrasto della dispersione scolastica e al miglioramento degli indici di disagio negli apprendimenti condotte. Con questi interventi potranno essere recuperati, con una metodologia più moderna, alcuni studenti che rivelano difficoltà di apprendimento”. “La didattica digitale è un elemento fondamentale per aumentare la motivazione degli studenti e per contrastare le disuguaglianze nell’apprendimento - commenta il Ministro Bussetti -. Per questo abbiamo deciso di dotare le scuole con più alti indici di disagio di laboratori didattici innovativi. Nessuno nella nostra scuola deve rimanere indietro. Siamo tuttavia consapevoli che la tecnologia da sola non basta: occorre accompagnarla con un rinnovamento, in chiave tecnologica e digitale, delle metodologie e degli approcci didattici. Per questo - conclude Bussetti - una parte delle risorse destinate a ciascuna scuola sarà utilizzata per l’aggiornamento dei docenti sui temi dell’innovazione”. A livello nazionale, 21 istituti si trovano al Nord (13 in Lombardia, 6 in Piemonte, 2 in Liguria), 8 al Centro (tutti nel Lazio) e 31 al Sud (10 in Campania, 9 in Sicilia, 7 in Puglia, 4 in Calabria e 1 in Basilicata).

30 gennaio 2019 (mercoledì)

ON. GRIMOLDI, RIBOLLA E VESCOVI (LEGA). CONSIGLIO D'EUROPA INSULTA ITALIA ACCUSANDOLA DI MAFIA, RAZZISMO, COMPORTAMENTI ANTI UMANITARI E PERSINO ANTIZIGANISMO. CHE SENSO HA PER ITALIA RESTARE IN QUESTO ORGANISMO?

24 GEN - È scandaloso e inaccettabile che nella risoluzione in discussione al Consiglio d'Europa, sul monitoraggio sull'Italia - dove si scrive che il Governo è formato da un movimento di estrema destra, la Lega, e da uno anti sistema, i Cinque Stelle - si accusi il nostro Paese di una serie di gravi comportamenti razzisti, xenofobi e anti umanitari. Non possiamo accettare che nella relazione sull'Italia il relatore scriva, in tema di politiche migratorie, di 'essere seriamente preoccupato' perché le politiche del Governo ostacolano il lavoro delle ONG, mettendo a rischio vite umane e violando norme umanitarie fondamentali ed esprima preoccupazione per la recrudescenza di atteggiamenti razzisti, della xenofobia e di incitamenti all'odio da parte di responsabili politici. Infine, giusto per non farsi mancare nulla, il relatore esprime la sua preoccupazione per la presenza in Italia della criminalità organizzata e delle mafie che a suo dire esercitano 'una forte presa sulla politica italiana'. Questo è un atto d'accusa all'Italia da parte di un organismo che non ha fatto nulla in questi anni in materia migratoria e adesso punta l'indice contro il nostro Paese con una relazione sprezzante e fuori dalla realtà, in cui addirittura si accusa l'Italia di 'antiziganismo' e si chiede alle autorità italiane di prestare maggiore attenzione alle questioni dei ROM, definiti vittime di pregiudizi e stigmatizzazioni. Per cui l'Italia è uno Stato di razzisti e mafiosi. E ancora più inaccettabile e scandaloso è il fatto che tutti gli emendamenti per correggere o cancellare questi passaggi, emendamenti presentati da tutti i parlamentari italiani presenti nella delegazione al consiglio d'Europa, siano stati respinti dal relatore. Non lo possiamo accettare e a questo punto ci domandiamo che senso abbia la presenza della delegazione italiana in questo organismo e che senso abbia lo stesso Consiglio d'Europa. Lo affermano i parlamentari della Lega nella delegazione italiana al Consiglio d'Europa On. Paolo Grimoldi, On. Alberto Ribolla e On. Manuel Vescovi.

25 gennaio 2019 (venerdì)

Scuola digitale, in bergamasca 360 mila euro per 18 Istituti premiati dal MIUR. Lo "Spada" di Sovere è arrivato settimo su 5000 scuole italiane. I parlamentari della Lega: “Massima attenzione per il nostro territorio”

Il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca IUR ha pubblicato la graduatoria dei progetti finanziati "per la creazione di ambienti di apprendimento capaci di integrare nella didattica l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia". A Bergamo e provincia hanno ottenuto il finanziamento 18 Istituti: Istituto comprensivo “Spada” di Sovere, Liceo Artistico “Manzù” di Bergamo, IC De Amicis di Bergamo, ITGS Quarenghi di Bergamo, IC di Gorle, Liceo “Amaldi” di Alzano, IC “Santa Lucia-Diaz” di Bergamo, IC “Alberico da Rosciate” di Bergamo, IC “Carducci” di Dalmine, ITIS “Galli” di Bergamo, IC Terno d’Isola, IC Bagnatica, Liceo “Lussana” di Bergamo, IC Ponte San Pietro, IC San Paolo d’Argon, IC Sorisole, IC Villa d’Almé, ITCTS “Vittorio Emanuele” di Bergamo. Si tratta di contributi di circa 20.000 euro per ogni scuola, per un totale di 360.000 euro. In particolare va sottolineato il risultato della scuola di Sovere che si è classificata al settimo posto su oltre 5.000 domande presentate. Lo comunicano i parlamentari bergamaschi della Lega: “È il risultato del lavoro sul nostro territorio - spiegano Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Toni Iwobi, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini - perchè sentiamo forte la responsabilità per la fiducia che ci hanno dato i bergamaschi con il loro voto a cui cerchiamo di rispondere con impegno e con un lavoro costante e continuo di monitoraggio dei progetti e di pressing sul Governo”. All’avviso per la presentazione delle candidature dello scorso mese di dicembre hanno risposto oltre 5.000 istituzioni scolastiche, 1.115 le proposte finanziate, di cui 663 nel primo ciclo di istruzione e 452 nel secondo. “Lavoriamo in stretta collaborazione con ministri e sottosegretari - continuano i parlamentari della Lega - che in questi primi sette mesi di Governo hanno dimostrato massima attenzione alle nostre proposte e in particolare alle richieste provenienti dalla bergamasca”. Sul progetto scolastico interviene il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: “In tempi rapidissimi, a meno di un mese dalla chiusura dell’avviso diamo avvio alla realizzazione di nuovi ambienti di apprendimento in oltre mille scuole italiane, che prevedono dotazioni tecnologiche innovative per l’utilizzo della realtà virtuale e aumentata nella didattica, della robotica educativa, del pensiero computazionale, della stampa 3D. Con questa misura - continua il ministro - diamo un forte impulso per diffondere nella scuola un nuovo modo di concepire l’aula, attrezzandola con arredi e dispositivi che favoriscano metodologie didattiche innovative”

17 gennaio 2019 (giovedì)

CENTEMERO, BELOTTI, RIBOLLA: "MANTENUNTO L'IMPEGNO, ACCOLTO NOSTRO EMENDAMENTO: FINALMENTE L'UNIVERSITA' DI BERGAMO POTRA' ASSUMERE"

"Dopo anni di attesa finalmente l'Università di Bergamo potrà sbloccare i fondi per assumere personale e migliorare così l'offerta didattica a favore degli studenti. Abbiamo così mantenuto l'impegno che avevamo preso lo scorso 2 luglio all'incontro con il rettore Remo Morzenti". Lo annunciano i deputati leghisti Giulio Centemero, capogruppo in Commissione Finanze, Daniele Belotti, capogruppo in Commissione Istruzione e Alberto Ribolla, componente della Commissione Bilancio. "In questi mesi abbiamo fatto un pressing martellante sul governo, visto che all'incontro con il rettore avevamo garantito il massimo impegno - spiegano Centemero, Belotti e Ribolla -. Grazie alla fondamentale collaborazione con il ministro all'Istruzione Marco Bussetti il nostro emendamento è stato inserito nel maxiemendamento del Governo approvato, nei giorni scorsi al Senato, oggi in Commissione Istruzione della Camera e da domani al vaglio definitivo dell’aula di Montecitorio". "Non si tratta di elargizioni statali né di contributi fini a se stessi, ma solo di consentire a quelle Università virtuose, tra cui Bergamo, di poter proseguire in quel percorso di crescita oggi bloccato da dannose norme burocratiche" rimarcano i deputati leghisti. Se da un lato è stato previsto il blocco delle assunzioni nelle Università fino all'1 dicembre 2019, dall'altro però non sono comprese quelle straordinarie. Bergamo, potrà così svincolarsi dai paletti che oggi ne bloccano la crescita: l'ateneo orobico oggi ha un rapporto tra studenti e docenti pari a 53 (in netta crescita rispetto alla soglia dei 44 del 2013), decisamente più alto (e penalizzante) rispetto ad altre Università come la Carlo Bo di Urbino (42) la Ca’ Foscari di Venezia (40), Partenope di Napoli (40), di Brescia (25) o Siena (20). Numeri che se da un lato evidenziano quanto sia ricercata l'Università di Bergamo, dall'altro hanno posto in difficoltà l'ateneo del rettore Remo Morzenti: che avrebbe in cassa i fondi per assumere nuovi docenti ma che, in base a quanto stabilito dal 2010 dal Ministero, può farlo solo in sostituzione di un altro professore. Ma di benefici concreti ne avranno anche altre realtà significative come il Politecnico di Milano, Milano Bicocca o Varese Insubria per fare degli esempi. "Un'incongruenza tutta italiana che attraverso questa disposizione puntiamo a superare una volta per tutte - proseguono Centemero, Belotti e Ribolla -. L'Università di Bergamo e tutte le Università virtuose devono essere messe nelle condizioni di poter crescere e garantire un'offerta didattica sempre migliore. Per questo ringraziamo ancora il ministro Marco Bussetti per la disponibilità dimostrata. Dopo l'annuncio del finanziamento di 10 milioni della Giunta regionale del presidente Attilio Fontana, pochi giorni dopo ecco lo sblocco delle assunzioni: due impegni mantenuti in pochissimo tempo a dimostrazione della concretezza del gioco di squadra della Lega a Bergamo".

27 dicembre 2018 (giovedì)

MANOVRA: "400 MILIONI PER I PICCOLI COMUNI. UN'OCCASIONE PER I LAVORI E MESSA IN SICUREZZA" PARLAMENTARI LEGA BG: "ALTRA DIMOSTRAZIONE DI ATTENZIONE PER IL TERRITORIO. IN BERGAMASCA BEN 12,7 MILIONI PER 238 COMUNI"

"400 milioni destinati ai comuni fino a 20 mila abitanti per lavori pubblici e manutenzioni". E' quanto contenuto nel maxiemendamento del Governo alla manovra finanziaria che verrà approvata in tarda serata al Senato e nei prossimi giorni alla Camera. "Siamo soddisfatti di questo provvedimento - dichiarano i parlamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Toni Iwobi, Daisy Pirovano, Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Alberto Ribolla e Rebecca Frassini - perchè è un'opportunità per i piccoli comuni di poter svolgere delle opere o dei lavori di manutenzione e messa in sicurezza. E' anche una boccata di ossigeno per le imprese di costruzioni che serve per generare reddito e occupazione al fine di rilanciare lo sviluppo". L'emendamento prevede "contributi per investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e di patrimonio comunale" destinando 40.000 euro ai comuni con popolazione inferiore ai 2.000 abitanti, 50.000 euro a quelli fino a 5.000, 70.000 euro a quelli fino a 10.000, 100.000 euro fino a 20.000, per opere da iniziare entro il prossimo 15 maggio". "Siamo molto soddisfatti - spiegano i parlamentari leghisti -perchè questo provvedimento porterà finanziamenti per ben 12,7 milioni di euro a 238 comuni della bergamasca che siamo certi saranno in grado di poter utilizzare i fondi messi a loro disposizione entro le scadenze fissate, sperando che possano dare lavoro alle ditte del nostro territorio".

22 dicembre 2018 (sabato)

Ponte di Calusco: "Dalla manovra 1,5 milioni di euro per i disagi del territorio" Parlamentari Lega Bg: "Dopo il commissariamento e il pressing per velocizzare i lavori, ora questo importante contributo"

"Dalla chiusura del ponte la Regione e i Comuni avevano lanciato un grido d'allarme, rimarcando le esigenze pressanti di pendolari e commercianti. Esigenze poi ribadite anche alla manifestazione di sabato scorso organizzata dal Comitato Ponte San Michele. Con il commissariamento abbiamo ridotto al minimo i tempi burocratici per aggiudicare i lavori da oltre 20 milioni di euro, tanto che già il prossimo 7 gennaio ci sarà l'apertura delle buste, ora abbiamo dato un altro segnale vicinanza al territorio e l'attenzione alle problematiche della nostra gente. Nel frattempo continueremo a vigilare sull'iter dei lavori e a fare pressing per ridurre al minimo i tempi del cantiere". Lo affermano i parlamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Tony Iwobi, Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Rebecca Frassini, Cristian Invernizzi, Daisy Pirovano e Alberto Ribolla, a seguito della presentazione da parte del Governo di un comma al maxiemendamento alla Legge di Bilancio che prevede uno stanziamento per il 2019 di 1,5 milioni di euro a favore della Regione Lombardia per compensare i disagi e i problemi causati dalla chiusura del Ponte San Michele di Calusco. In particolare lo stanziamento, una volta approvata la manovra finanziaria prima al Senato e poi in via definitiva nei prossimi giorni alla Camera, potrà essere usato per sostenere le attività economiche in difficoltà e potenziare le alternative adottate in questo periodo al trasporto pubblico. “Si tratta di un segnale forte, di una risposta concreta ai bisogni dei cittadini - continuano i parlamentari leghisti - perché la chiusura del Ponte San Michele ha prodotto effetti devastanti per tutto il territorio ai quali bisognava porre rimedio il prima possibile”.

22 dicembre 2018 (sabato)

Guarda l'elenco completo delle news

Ultime foto

Guarda la galleria completa

Ultimi manifesti & volantini

Guarda la galleria completa

Prossimi appuntamenti

17 febbraio 2020 (lunedì)

ore 15:30 Visita aziende del territorio

17 febbraio 2020 (lunedì)

ore 12:15 Diretta su Bergamo Tv

17 febbraio 2020 (lunedì)

ore 20:30 Direttivo Provinciale Lega

24 febbraio 2020 (lunedì)

ore 18:00 Consiglio Comunale di Bergamo

Guarda l'elenco completo degli appuntamenti

Ultime rassegne

11 febbraio 2020 (martedì)

Ribolla (Lega): "Presentata interrogazione sul convegno negazionista sulle Foibe".

Da L'Eco di Bergamo del 11/02/2020 - Download

09 febbraio 2020 (domenica)

Ribolla (Lega): "Cosi si disincentivano i mezzi green"

Da L'Eco di Bergamo 09/02/2020 - Download
Dal Corriere della Sera del 09/02/2020 - Download

05 febbraio 2020 (mercoledì)

Ribolla (Lega): " Il governo boccia l'emendamento al Milleproroghe"

Guarda l'elenco completo di tutte le rassegne

Social Network