Benvenuto nel mio sito web! ...La grinta dei giovani per il futuro della nostra città!

Clicca qui per la mia pagina su Facebook


 

News

COMUNICATO STAMPA TAGLI PENSIONI – PARLAMANTARI LEGA BG: “I SINDACATI DIFFONDONO COMUNICATI EQUIVOCI NON CITANDO LE CIFRE. PER 28 CENTESIMI PROCLAMANO MOBILITAZIONI GENERALI? COSI’ PRENDONO IN GIRO I PENSIONATI”

"Spiace vedere i sindacati diffondere un comunicato palesemente strumentale ed equivoco - dichiarano i parlamentari leghisti bergamaschi Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Toni Iwobi, Daisy Pirovano, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini -. Alla faccia dell'informazione corretta e della trasparenza verso i pensionati, si parla di tagli delle pensioni quando invece si tratta solo di una riduzione, per altro minima, dell'aumento dell'importo mensile calcolato in base all'adeguamento al costo della vita. Costo della vita che, ricordiamo, era stato bloccato con la riforma Fornero, mentre nel 2017 è stato pari allo 0% perchè non c'era stata inflazione e che nel 2018 era all'1%". "Al di là dei dettagli tecnici - chiedono i parlamentari leghisti - perchè nel comunicato dei sindacati non vengono citate le cifre di questi famigerati tagli, ripetiamo non alla pensione, ma all’adeguamento al costo della vita? Semplicemente perchè fino a 1522 euro non è prevista alcuna riduzione, mentre per le pensioni da 1522 a 2029 euro lordi, che rappresentano la metà dei pensionati italiani, stiamo parlando di 28 centesimi al mese, pari a 3 caffè all’anno a fronte di 18/25.000 euro annui". "E i sindacati - concludono i parlamentari bergamaschi - per questo minacciano pure manifestazioni generali che non hanno fatto nemmeno quando é stata approvata la vergognosa legge Fornero per 28 centesimi che servono per legittimare il taglio delle pensioni d'oro?" "Spiace vedere i sindacati diffondere un comunicato palesemente strumentale ed equivoco - dichiarano i parlamentari leghisti bergamaschi Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Toni Iwobi, Daisy Pirovano, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini -. Alla faccia dell'informazione corretta e della trasparenza verso i pensionati, si parla di tagli delle pensioni quando invece si tratta solo di una riduzione, per altro minima, dell'aumento dell'importo mensile calcolato in base all'adeguamento al costo della vita. Costo della vita che, ricordiamo, era stato bloccato con la riforma Fornero, mentre nel 2017 è stato pari allo 0% perchè non c'era stata inflazione e che nel 2018 era all'1%". "Al di là dei dettagli tecnici - chiedono i parlamentari leghisti - perchè nel comunicato dei sindacati non vengono citate le cifre di questi famigerati tagli, ripetiamo non alla pensione, ma all’adeguamento al costo della vita? Semplicemente perchè fino a 1522 euro non è prevista alcuna riduzione, mentre per le pensioni da 1522 a 2029 euro lordi, che rappresentano la metà dei pensionati italiani, stiamo parlando di 28 centesimi al mese, pari a 3 caffè all’anno a fronte di 18/25.000 euro annui". "E i sindacati - concludono i parlamentari bergamaschi - per questo minacciano pure manifestazioni generali che non hanno fatto nemmeno quando é stata approvata la vergognosa legge Fornero per 28 centesimi che servono per legittimare il taglio delle pensioni d'oro?"

31 marzo 2019 (domenica)

COMUNICATO STAMPA. Fassi/Ribolla/Pecce "Gori predica bene ma razzola male"

Sono iniziati i lavori per il restyling di Piazzale Alpini e i cittadini si stanno rendendo conto di quanto sarà invasivo -dichiarano i Consiglieri comunali Alberto Ribolla e Luisa Pecce. L’abbattimento degli alberi di grandi dimensioni e il costoso trasloco di una ventina di piante hanno scatenato le proteste ma questo è solo il primo passo di una trasformazione indigesta a tanti bergamaschi. L’amministrazione Gori- sottolineano i consiglieri- spende ben 2 milioni di euro per una piazza che è stata riqualificata solo nel 2010 per la storica adunata degli alpini . Oltre agli alberi, spariscono le fontane del monumento e una bella fetta di verde che sarà sostituito da cemento, con inevitabile perdita di suolo permeabile e di valore ambientale. Avremo la piazza più grande di Bergamo, sicuramente più squallida e meno ombreggiata di quella attuale perché privata di fatto di una trentina di piante e senza garanzie che sia più sicura, visto che l’unica attività prospettata seriamente per ora è il mercato del lunedi. Questo progetto è tra i più deleteri a scapito del verde, insieme alla mattanza di almeno 6 alberi secolari alti 15 metri abbattuti in via xxiv maggio per lasciare posto ad una ciclabile. Nel frattempo appare davvero singolare che si stia preparando una “Lista Verde” a sostegno del Sindaco uscente che nella gestione e manutenzione del verde non ha certo brillato nelle scelte e nell’ efficienza." "Tutto ciò dimostra l'incoerenza di Gori" puntualizza il Segretario cittadino Serena Fassi"che venerdì era in prima fila alla manifestazione sul clima e oggi, non si fa remore ad abbattere alberi che tutti ricordano dall'infanzia. Ma del resto non è nuovo a tali pratiche, recentemente è stato fermato dai residenti del quartiere Santa Lucia, perché voleva abbattere le splendide magnolie nella piazzetta del quartiere. Se questa solerzia fosse stata utilizzata per la cura del verde pubblico, non avremmo assistito al formarsi di una vera e propria GIUNGLA in tutti i quartieri della città! "

22 marzo 2019 (venerdì)

LEZIONE ANTI GOVERNO DELLA RUAH CON RICHIEDENTI ASILO AL SARPI RIBOLLA E BELOTTI: “INTERROGAZIONE AL MINISTRO, LA POLITICA RESTI FUORI DALLE SCUOLE”

Nella giornata odierna, presso il Liceo Sarpi di Bergamo, si è tenuto un convegno organizzato da alcuni docenti ed autorizzato dal Preside, relativo al tema migranti; a tale convegno hanno partecipato alcuni richiedenti asilo ed una rappresentante della Cooperativa Ruah di Bergamo. “Nel corso del convegno - denunciano l’on. Alberto Ribolla, deputato della Lega e capogruppo in Consiglio Comunale, e l’on. Daniele Belotti, deputato Lega e capogruppo in Commissione Istruzione alla Camera - oltre alla presentazione delle storie personali dei richiedenti asilo, e della spiegazione del sistema di accoglienza, sono state rilevate delle critiche nei confronti del Governo in carica relativamente alle politiche di gestione dell’immigrazione e delle espulsioni.” “In particolare, da parte della rappresentante della cooperativa - continuano gli onorevoli Ribolla e Belotti - sono state espresse considerazioni negative sula linea politica del governo e sul suo operato e sarebbero state espresse chiare diversità di vedute, neanche celate, in merito; inoltre, reati, quali furti e spaccio, sarebbero stati giustificati dal reato di clandestinità, che obbligherebbe i migranti a delinquere.” “Riteniamo che ciò che è accaduto oggi al Liceo Sarpi di Bergamo sia gravissimo – concludono Ribolla e Belotti - ancor più se consideriamo che il dibattito è stato unidirezionale e senza alcun contraddittorio. Per questi motivo presenteremo un’interrogazione al Ministro dell’Istruzione.”

13 marzo 2019 (mercoledì)

Disastro aereo in Etiopia. I parlamentari bergamaschi: “Ci siamo attivati presso la Farnesina per dare massimo supporto alle famiglie degli italiani coinvolti”

I parlamamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Rebecca Frassini, Daisy Pirovano, Tony Iwobi e Alberto Ribolla si sono attivati immediatamente presso il Ministero degli Esteri affinché l'Unità di Crisi possa offrire tutta l'assistenza possibile alle famiglie degli italiani a bordo del velivolo dell'Ethiopian Airlines decollato da Addis Abeba e diretto a Nairobi che si è schiantato al suolo dopo pochi minuti dalla partenza. "Esprimiamo la nostra vicinanza alle famiglie degli italiani coinvolti nell’incidente aereo, mettendoci a completa disposizione della onlus bergamasca che aveva tre suoi associati a bordo del velivolo - dichiarano i parlamentari leghisti -. Continuiamo a tenere i contatti con la Farnesina per avere notizie certe".

10 marzo 2019 (domenica)

IN ARRIVO DAL MIUR 3,6 MILIONI DI EURO PER GLI IMPIANTI ANTICENDIO DI 65 SCUOLE BERGAMASCHE I PARLAMENTARI LEGA BG: “CONTINUIAMO L'AZIONE DI PRESSING PER IL NOSTRO TERRITORIO”

"Il Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha previsto uno stanziamento di 3.621.000 euro per l'adeguamento alla normativa antincendio di 65 scuole della Bergamasca". Ad annunciarlo i parlamentari orobici della Lega Daniele Belotti, Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Tony Iwobi, Daisy Pirovano, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini. "Si tratta un cospicuo intervento che vede il Miur investire a livello nazionale ben 114 milioni per oltre 2.000 scuole - spiegano i parlamentari leghisti -. A Bergamo sono interessati edifici scolastici di ogni grado. In particolare per gli istituti superiori l'Amministrazione Provinciale riceverà 2.880.000 euro per 48 interventi in città, ad Albino, Alzano Lombardo, Caravaggio, Clusone, Dalmine, Gazzaniga, Lovere, Nembro, Presezzo, Romano di Lombardia, San Pellegrino, Seriate, Trescore Balneario, Treviglio, Zogno". "Saranno beneficiati anche alcuni comuni della nostra provincia per le scuole primarie e secondarie di primo grado - continuano i parlamentari bergamaschi -: Albino, Camerata Cornello, Ciserano, Cividate al Piano, Lurano, Osio Sopra, Trescore Balneario, Verdellino, con 50.000 euro ognuno, Borgo di Terzo (48.100 euro), Nembro (150.000 per 3 interventi), Terno d'Isola (31.000 euro) e Verdello (112.000 euro per 3 interventi)". "Come deputati e senatori del territorio - sottolineano i parlamentari leghisti - continuiamo la nostra azione di massima attenzione alle esigenze della nostra provincia con un pressing a tutto campo nei vari ministeri seguendo passo passo le varie richieste che arrivano dagli enti locali orobici". “Con queste risorse avviamo per la prima volta uno specifico Piano per l’antincendio, dando alle comunità scolastiche risposte attese da anni. La sicurezza dei nostri istituti e quindi dei nostri ragazzi passa anche da questo - dichiara il Ministro Bussetti -. Non possiamo tralasciare alcun aspetto. Questo stanziamento conferma ancora una volta la grande attenzione di questo Governo all’edilizia scolastica. I 114 milioni costituiscono una prima tranche di fondi attraverso i quali ottenere la certificazione antincendio, ai quali seguiranno altri investimenti. Lavoreremo, inoltre, con gli Enti locali per portare avanti questo impegno”. Gli Enti Locali che beneficeranno di queste risorse avranno 12 mesi di tempo per aggiudicare i lavori di adeguamento alla normativa antincendio e potranno richiedere subito, all’atto del finanziamento, l’anticipazione del 20% dei fondi

26 febbraio 2019 (martedì)

COMUNICATO STAMPA LA GIUNTA GORI DEMOLISCE LA FAMIGLIA TRADIZIONALE: CORSI GENDER NEGLI ASILI E NELLE LUDOTECHE A SPESE DEI CONTRIBUENTI

Il Comune di Bergamo si lancia nella teoria gender che vuole demolire la famiglia tradizionale in nome del transessualismo. "L'assessorato all'Istruzione - dichiarano i deputati Daniele Belotti, capogruppo Lega in commissione istruzione alla Camera e Alberto Ribolla, parlamentare e capogruppo consiliare della Lega in Comune a Bergamo - sta operando con l'Associazione Immaginare Orlando e la Cooperativa Impresa Sociale Hg80 per un progetto finalizzato a disconoscere la distinzione, basata sul genere, tra maschio e femmina, tanto da chiedersi se "sia davvero così opportuna e utile". "Sul sito www.bambiniegenitori.bergamo.it, curato dall'assessorato istruzione, del Comune di Bergamo - continuano Belotti e Ribolla -, alla pagina Edublog, nell'articolo "Rosa o azzurro?", si legge: " … e se guardassimo con occhi diversi …se provassimo invece a vedere una bambina e un bambino aprendo a ciascuno tutte le possibilità di essere fata o principe indistintamente dal sesso che li caratterizza anatomicamente? … e se lasciassimo che ciascuno possa scegliere il gioco o il giocattolo che in quel momento più lo appassiona … se un bimbo volesse una cucinetta e si vestisse con scarpette luccicanti e borsa a tracolla … E se invece fosse una bimba a chiede il gioco del meccanico o del falegname ...che cosa ci susciterebbero queste richieste? …quali reazioni potremmo avere? …quali pensieri scatenerebbero? Fermarsi un attimo a riflettere sarebbe un grande passo, provare a guardare senza retropensieri e immaginari dettati solo da stereotipi sarebbe l’ideale. Non si tratta di preferire femmine che giochino a soldatini o maschi che coccolino le bambole, ma di prendersi il tempo per guardare la persona, bambina o bambino che sia, lasciando a ciascuno lo spazio per esplorare il proprio personale modo di essere, di sentire, di fare, apprezzandone l’unicità e la complessità, senza appiccicare etichette semplificanti". La famiglia tradizionale è un cardine della nostra società e questo progetto della giunta Gori, che parte fin dagli asili nido e coinvolge le ludoteche comunali, punta chiaramente a minarne le fondamenta. "Chiediamo al sindaco Gori - concludono i deputati leghisti - di interrompere questo progetto che prevede "un percorso formativo, attorno al tema dell’Educare alle differenze, che coinvolgerà in momenti e in modi diversi educatrici ed educatori dei Nidi comunali e accreditati, le Ludoteche comunali in collaborazione col Consorzio Solco Città Aperta e i Gruppi di Discussione per genitori del Comune di Bergamo". La famiglia va difesa non certo demolita, fin dall'età infantile, nei suoi valori fondanti, per di più a spese dei contribuenti; ci piacerebbe, infatti, sapere quanto costa questo progetto e a quanto ammonta l'incarico all'Associazione Immaginare Orlando e alla Cooperativa Impresa Sociale Hg80". Al riguardo il gruppo consiliare della Lega presenterà un'interrogazione al sindaco Gori e all'assessore all'istruzione Loredana Poli.

18 febbraio 2019 (lunedì)

DECRETO SEMPLIFICAZIONE. LA CONCESSIONE DELLE CENTRALI IDROELETTRICHE ALLE REGIONI E ALLE PROVINCE. A BERGAMO 2,5 MILIONI DI EURO. LA LEGA: “GRANDE VITTORIA FEDERALISTA”

Il Decreto semplificazione approvato oggi alla Camera prevede che le concessioni per le centrali idroelettriche passino dallo Stato alle Regioni e alle Province a titolo gratuito. Alla scadenza delle concessioni e nei casi di decadenza o rinuncia, infatti, si prevede il passaggio della titolarità alle Regioni. Per la Lombardia e Bergamo è un “risultato eccezionale nell’ottica del federalismo” dichiarano i parlamentari bergamaschi della Lega spiegano Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Toni Iwobi, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi, Rebecca Frassini e Daisy Pirovano. Ci saranno più soldi per Regioni e Province e anche per i Comuni dove dighe e centrali sono installate. Prevista anche l’opzione di partenariato pubblico-privato che potrebbe coniugare sensibilità rispetto agli interessi generali, ad esempio i rilasci, la tutela della flora e della fauna, i livelli dei laghi e le esigenze agricole, a professionalità di gestione e capacità di massimizzare i proventi. I canoni delle grandi derivazioni idroelettriche collegati alla rendita saranno destinati ai territori provinciali. Per la provincia di Bergamo sono previsti circa 2,5 milioni di euro l’anno. Le Regioni potranno chiedere a costo zero una parte dell’energia prodotta su tutte le grandi derivazioni, che potrà essere utilizzata nell’ambito dei servizi pubblici, ad esempio per gli ospedali di montagna. Energia che per almeno il 50% dovrà essere destinata alle Province che ospitano le dighe. L’ elettricitá inoltre sarà gratuita per quei Comuni che hanno sul loro territorio gli impianti idroelettrici. I servizi pubblici saranno dunque a costo zero. “E’ una vittoria federalista della Lega - dichiarano I parlamentari leghisti bergamaschi - è il primo passo verso l’autonomia. Per le realtà montane, inoltre, è una boccata d’ossigeno fondamentale nell’ottica di un rilancio economico perchè potranno utilizzare una parte importante dei proventi generati dalle proprie centrali idroelettriche. Come Lega siamo molto orgogliosi di questo risultato”.

08 febbraio 2019 (venerdì)

CARABINIERI A BERGAMO – I PARLAMENTARI LEGA BG REPLICANO ALL’ON. FONTANA: “ALTRO CHE DELUSIONE, SONO ARRIVATI 35 RINFORZI. MAI VISTO IN 30 ANNI”

“L’on Gregorio Fontana – dichiarano i parlamentari leghisti Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Cristian Invernizzi, Tony Iwobi, Alberto Ribolla, Rebecca Frassini - si dice deluso perché il ministro della Difesa Elisabetta Trenta non avrebbe concesso un incremento dell’organico dei Carabineri in servizio nella Provincia di Bergamo. Peccato che però non abbia considerato i 35 carabinieri annunciati a novembre destinati nelle compagnie di Bergamo (14), Treviglio (13) e nelle caserme di Zogno (5) e Clusone (3)”. “Nella risposta – continuano i parlamentari leghisti – non sono compresi questi rinforzi che sono già stati dati per acquisiti. Anche noi, come Fontana, ne vorremmo tanti altri, ma va comunque considerato come 35 nuovi carabinieri in bergamasca sono un fatto eccezionale, mai verificatosi negli ultimi 30 anni. La Lega ha puntato tantissimo sulla sicurezza, con una politica di fatti e non certo di propaganda o peggio, come dice Fontana, di prese in giro”. “A chi è smemorato – concludono Calderoli, Belotti, Pergreffi, Invernizzi, Iwobi, Ribolla, Frassini – oltre ai 35 nuovi carabineri, ricordiamo i risultati concreti in tema di sicurezza di questo governo in Bergamasca: in soli 8 mesi è stato sbloccato l’ampliamento del commissariato di Treviglio, confermato il distaccamento di Polizia Stradale di Treviglio, garantiti 47 nuovi poliziotti, nuova caserma della Guardia di Finanza a Grumello del Monte, finanziati 168.000 euro per la videosorveglianza del comune di Bergamo, concessa la possibilità ai comuni di poter assumere nuovi agenti di polizia locale. Questi sono fatti, altro che delusioni o prese in giro”.

07 febbraio 2019 (giovedì)

ALTRI FONDI SCUOLA DIGITALE: TRA I 60 PROGETTI FINANZIATI DAL MIUR ANCHE SUISIO E CALCIO

Ci sono anche l’istituto comprensivo di Calcio “Martiri della Resistenza” e quello di Suisio “Rita Levi Montalcini” tra le 60 scuole premiate dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca nel bando per la “creazione di ambienti digitali di apprendimento soprattutto a partire dalla primaria e secondaria di primo grado. “Ogni scuola - dichiarano i parlamentari leghisti bergamaschi Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi, Tony Iwobi, Rebecca Frassini - riceverà di un finanziamento di 35.000 euro per la realizzazione di laboratori, nell’ambito di un fondo complessivo di 2,1 milioni di euro, messo a disposizione dal ministro Marco Bussetti, a cui potrebbero aggiungersi in futuro altri 30.000 euro per la formazione del personale scolastico alla didattica innovativa”. “E’ un contributo - continuano i parlamentari leghisti - rivolto al contrasto della dispersione scolastica e al miglioramento degli indici di disagio negli apprendimenti condotte. Con questi interventi potranno essere recuperati, con una metodologia più moderna, alcuni studenti che rivelano difficoltà di apprendimento”. “La didattica digitale è un elemento fondamentale per aumentare la motivazione degli studenti e per contrastare le disuguaglianze nell’apprendimento - commenta il Ministro Bussetti -. Per questo abbiamo deciso di dotare le scuole con più alti indici di disagio di laboratori didattici innovativi. Nessuno nella nostra scuola deve rimanere indietro. Siamo tuttavia consapevoli che la tecnologia da sola non basta: occorre accompagnarla con un rinnovamento, in chiave tecnologica e digitale, delle metodologie e degli approcci didattici. Per questo - conclude Bussetti - una parte delle risorse destinate a ciascuna scuola sarà utilizzata per l’aggiornamento dei docenti sui temi dell’innovazione”. A livello nazionale, 21 istituti si trovano al Nord (13 in Lombardia, 6 in Piemonte, 2 in Liguria), 8 al Centro (tutti nel Lazio) e 31 al Sud (10 in Campania, 9 in Sicilia, 7 in Puglia, 4 in Calabria e 1 in Basilicata).

30 gennaio 2019 (mercoledì)

ON. GRIMOLDI, RIBOLLA E VESCOVI (LEGA). CONSIGLIO D'EUROPA INSULTA ITALIA ACCUSANDOLA DI MAFIA, RAZZISMO, COMPORTAMENTI ANTI UMANITARI E PERSINO ANTIZIGANISMO. CHE SENSO HA PER ITALIA RESTARE IN QUESTO ORGANISMO?

24 GEN - È scandaloso e inaccettabile che nella risoluzione in discussione al Consiglio d'Europa, sul monitoraggio sull'Italia - dove si scrive che il Governo è formato da un movimento di estrema destra, la Lega, e da uno anti sistema, i Cinque Stelle - si accusi il nostro Paese di una serie di gravi comportamenti razzisti, xenofobi e anti umanitari. Non possiamo accettare che nella relazione sull'Italia il relatore scriva, in tema di politiche migratorie, di 'essere seriamente preoccupato' perché le politiche del Governo ostacolano il lavoro delle ONG, mettendo a rischio vite umane e violando norme umanitarie fondamentali ed esprima preoccupazione per la recrudescenza di atteggiamenti razzisti, della xenofobia e di incitamenti all'odio da parte di responsabili politici. Infine, giusto per non farsi mancare nulla, il relatore esprime la sua preoccupazione per la presenza in Italia della criminalità organizzata e delle mafie che a suo dire esercitano 'una forte presa sulla politica italiana'. Questo è un atto d'accusa all'Italia da parte di un organismo che non ha fatto nulla in questi anni in materia migratoria e adesso punta l'indice contro il nostro Paese con una relazione sprezzante e fuori dalla realtà, in cui addirittura si accusa l'Italia di 'antiziganismo' e si chiede alle autorità italiane di prestare maggiore attenzione alle questioni dei ROM, definiti vittime di pregiudizi e stigmatizzazioni. Per cui l'Italia è uno Stato di razzisti e mafiosi. E ancora più inaccettabile e scandaloso è il fatto che tutti gli emendamenti per correggere o cancellare questi passaggi, emendamenti presentati da tutti i parlamentari italiani presenti nella delegazione al consiglio d'Europa, siano stati respinti dal relatore. Non lo possiamo accettare e a questo punto ci domandiamo che senso abbia la presenza della delegazione italiana in questo organismo e che senso abbia lo stesso Consiglio d'Europa. Lo affermano i parlamentari della Lega nella delegazione italiana al Consiglio d'Europa On. Paolo Grimoldi, On. Alberto Ribolla e On. Manuel Vescovi.

25 gennaio 2019 (venerdì)

Scuola digitale, in bergamasca 360 mila euro per 18 Istituti premiati dal MIUR. Lo "Spada" di Sovere è arrivato settimo su 5000 scuole italiane. I parlamentari della Lega: “Massima attenzione per il nostro territorio”

Il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca IUR ha pubblicato la graduatoria dei progetti finanziati "per la creazione di ambienti di apprendimento capaci di integrare nella didattica l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia". A Bergamo e provincia hanno ottenuto il finanziamento 18 Istituti: Istituto comprensivo “Spada” di Sovere, Liceo Artistico “Manzù” di Bergamo, IC De Amicis di Bergamo, ITGS Quarenghi di Bergamo, IC di Gorle, Liceo “Amaldi” di Alzano, IC “Santa Lucia-Diaz” di Bergamo, IC “Alberico da Rosciate” di Bergamo, IC “Carducci” di Dalmine, ITIS “Galli” di Bergamo, IC Terno d’Isola, IC Bagnatica, Liceo “Lussana” di Bergamo, IC Ponte San Pietro, IC San Paolo d’Argon, IC Sorisole, IC Villa d’Almé, ITCTS “Vittorio Emanuele” di Bergamo. Si tratta di contributi di circa 20.000 euro per ogni scuola, per un totale di 360.000 euro. In particolare va sottolineato il risultato della scuola di Sovere che si è classificata al settimo posto su oltre 5.000 domande presentate. Lo comunicano i parlamentari bergamaschi della Lega: “È il risultato del lavoro sul nostro territorio - spiegano Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Toni Iwobi, Simona Pergreffi, Alberto Ribolla, Cristian Invernizzi e Rebecca Frassini - perchè sentiamo forte la responsabilità per la fiducia che ci hanno dato i bergamaschi con il loro voto a cui cerchiamo di rispondere con impegno e con un lavoro costante e continuo di monitoraggio dei progetti e di pressing sul Governo”. All’avviso per la presentazione delle candidature dello scorso mese di dicembre hanno risposto oltre 5.000 istituzioni scolastiche, 1.115 le proposte finanziate, di cui 663 nel primo ciclo di istruzione e 452 nel secondo. “Lavoriamo in stretta collaborazione con ministri e sottosegretari - continuano i parlamentari della Lega - che in questi primi sette mesi di Governo hanno dimostrato massima attenzione alle nostre proposte e in particolare alle richieste provenienti dalla bergamasca”. Sul progetto scolastico interviene il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: “In tempi rapidissimi, a meno di un mese dalla chiusura dell’avviso diamo avvio alla realizzazione di nuovi ambienti di apprendimento in oltre mille scuole italiane, che prevedono dotazioni tecnologiche innovative per l’utilizzo della realtà virtuale e aumentata nella didattica, della robotica educativa, del pensiero computazionale, della stampa 3D. Con questa misura - continua il ministro - diamo un forte impulso per diffondere nella scuola un nuovo modo di concepire l’aula, attrezzandola con arredi e dispositivi che favoriscano metodologie didattiche innovative”

17 gennaio 2019 (giovedì)

CENTEMERO, BELOTTI, RIBOLLA: "MANTENUNTO L'IMPEGNO, ACCOLTO NOSTRO EMENDAMENTO: FINALMENTE L'UNIVERSITA' DI BERGAMO POTRA' ASSUMERE"

"Dopo anni di attesa finalmente l'Università di Bergamo potrà sbloccare i fondi per assumere personale e migliorare così l'offerta didattica a favore degli studenti. Abbiamo così mantenuto l'impegno che avevamo preso lo scorso 2 luglio all'incontro con il rettore Remo Morzenti". Lo annunciano i deputati leghisti Giulio Centemero, capogruppo in Commissione Finanze, Daniele Belotti, capogruppo in Commissione Istruzione e Alberto Ribolla, componente della Commissione Bilancio. "In questi mesi abbiamo fatto un pressing martellante sul governo, visto che all'incontro con il rettore avevamo garantito il massimo impegno - spiegano Centemero, Belotti e Ribolla -. Grazie alla fondamentale collaborazione con il ministro all'Istruzione Marco Bussetti il nostro emendamento è stato inserito nel maxiemendamento del Governo approvato, nei giorni scorsi al Senato, oggi in Commissione Istruzione della Camera e da domani al vaglio definitivo dell’aula di Montecitorio". "Non si tratta di elargizioni statali né di contributi fini a se stessi, ma solo di consentire a quelle Università virtuose, tra cui Bergamo, di poter proseguire in quel percorso di crescita oggi bloccato da dannose norme burocratiche" rimarcano i deputati leghisti. Se da un lato è stato previsto il blocco delle assunzioni nelle Università fino all'1 dicembre 2019, dall'altro però non sono comprese quelle straordinarie. Bergamo, potrà così svincolarsi dai paletti che oggi ne bloccano la crescita: l'ateneo orobico oggi ha un rapporto tra studenti e docenti pari a 53 (in netta crescita rispetto alla soglia dei 44 del 2013), decisamente più alto (e penalizzante) rispetto ad altre Università come la Carlo Bo di Urbino (42) la Ca’ Foscari di Venezia (40), Partenope di Napoli (40), di Brescia (25) o Siena (20). Numeri che se da un lato evidenziano quanto sia ricercata l'Università di Bergamo, dall'altro hanno posto in difficoltà l'ateneo del rettore Remo Morzenti: che avrebbe in cassa i fondi per assumere nuovi docenti ma che, in base a quanto stabilito dal 2010 dal Ministero, può farlo solo in sostituzione di un altro professore. Ma di benefici concreti ne avranno anche altre realtà significative come il Politecnico di Milano, Milano Bicocca o Varese Insubria per fare degli esempi. "Un'incongruenza tutta italiana che attraverso questa disposizione puntiamo a superare una volta per tutte - proseguono Centemero, Belotti e Ribolla -. L'Università di Bergamo e tutte le Università virtuose devono essere messe nelle condizioni di poter crescere e garantire un'offerta didattica sempre migliore. Per questo ringraziamo ancora il ministro Marco Bussetti per la disponibilità dimostrata. Dopo l'annuncio del finanziamento di 10 milioni della Giunta regionale del presidente Attilio Fontana, pochi giorni dopo ecco lo sblocco delle assunzioni: due impegni mantenuti in pochissimo tempo a dimostrazione della concretezza del gioco di squadra della Lega a Bergamo".

27 dicembre 2018 (giovedì)

MANOVRA: "400 MILIONI PER I PICCOLI COMUNI. UN'OCCASIONE PER I LAVORI E MESSA IN SICUREZZA" PARLAMENTARI LEGA BG: "ALTRA DIMOSTRAZIONE DI ATTENZIONE PER IL TERRITORIO. IN BERGAMASCA BEN 12,7 MILIONI PER 238 COMUNI"

"400 milioni destinati ai comuni fino a 20 mila abitanti per lavori pubblici e manutenzioni". E' quanto contenuto nel maxiemendamento del Governo alla manovra finanziaria che verrà approvata in tarda serata al Senato e nei prossimi giorni alla Camera. "Siamo soddisfatti di questo provvedimento - dichiarano i parlamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Simona Pergreffi, Toni Iwobi, Daisy Pirovano, Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Alberto Ribolla e Rebecca Frassini - perchè è un'opportunità per i piccoli comuni di poter svolgere delle opere o dei lavori di manutenzione e messa in sicurezza. E' anche una boccata di ossigeno per le imprese di costruzioni che serve per generare reddito e occupazione al fine di rilanciare lo sviluppo". L'emendamento prevede "contributi per investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e di patrimonio comunale" destinando 40.000 euro ai comuni con popolazione inferiore ai 2.000 abitanti, 50.000 euro a quelli fino a 5.000, 70.000 euro a quelli fino a 10.000, 100.000 euro fino a 20.000, per opere da iniziare entro il prossimo 15 maggio". "Siamo molto soddisfatti - spiegano i parlamentari leghisti -perchè questo provvedimento porterà finanziamenti per ben 12,7 milioni di euro a 238 comuni della bergamasca che siamo certi saranno in grado di poter utilizzare i fondi messi a loro disposizione entro le scadenze fissate, sperando che possano dare lavoro alle ditte del nostro territorio".

22 dicembre 2018 (sabato)

Ponte di Calusco: "Dalla manovra 1,5 milioni di euro per i disagi del territorio" Parlamentari Lega Bg: "Dopo il commissariamento e il pressing per velocizzare i lavori, ora questo importante contributo"

"Dalla chiusura del ponte la Regione e i Comuni avevano lanciato un grido d'allarme, rimarcando le esigenze pressanti di pendolari e commercianti. Esigenze poi ribadite anche alla manifestazione di sabato scorso organizzata dal Comitato Ponte San Michele. Con il commissariamento abbiamo ridotto al minimo i tempi burocratici per aggiudicare i lavori da oltre 20 milioni di euro, tanto che già il prossimo 7 gennaio ci sarà l'apertura delle buste, ora abbiamo dato un altro segnale vicinanza al territorio e l'attenzione alle problematiche della nostra gente. Nel frattempo continueremo a vigilare sull'iter dei lavori e a fare pressing per ridurre al minimo i tempi del cantiere". Lo affermano i parlamentari bergamaschi della Lega Roberto Calderoli, Tony Iwobi, Simona Pergreffi, Daniele Belotti, Rebecca Frassini, Cristian Invernizzi, Daisy Pirovano e Alberto Ribolla, a seguito della presentazione da parte del Governo di un comma al maxiemendamento alla Legge di Bilancio che prevede uno stanziamento per il 2019 di 1,5 milioni di euro a favore della Regione Lombardia per compensare i disagi e i problemi causati dalla chiusura del Ponte San Michele di Calusco. In particolare lo stanziamento, una volta approvata la manovra finanziaria prima al Senato e poi in via definitiva nei prossimi giorni alla Camera, potrà essere usato per sostenere le attività economiche in difficoltà e potenziare le alternative adottate in questo periodo al trasporto pubblico. “Si tratta di un segnale forte, di una risposta concreta ai bisogni dei cittadini - continuano i parlamentari leghisti - perché la chiusura del Ponte San Michele ha prodotto effetti devastanti per tutto il territorio ai quali bisognava porre rimedio il prima possibile”.

22 dicembre 2018 (sabato)

Guarda l'elenco completo delle news

Ultime foto

Guarda la galleria completa

Ultimi manifesti & volantini

Guarda la galleria completa

Prossimi appuntamenti

13 aprile 2019 (sabato)

ore 15:00 Gazebo a BERGAMO in Via XX Settembre

12 aprile 2019 (venerdì)

ore 9:00 Gazebo a BERGAMO in Viale Pasteur

01 aprile 2019 (lunedì)

ore 10:30 Incontro con i cittadini a BERGAMO presso Malpensata

01 aprile 2019 (lunedì)

ore 18:00 Consiglio Comunale di Bergamo

Guarda l'elenco completo degli appuntamenti

Ultime rassegne

11 aprile 2019 (giovedì)

Ribolla (Lega):" Con la Flat Tax abbiamo fatto un grosso passo in avanti".

Da L'Eco di Bergamo del 11/04/2019 - Download

06 aprile 2019 (sabato)

Ribolla (Lega); "Bilancio negativo per l'amministrazione Gori".

Da L'Eco di Bergamo del 06/04/2019 - Download
Dal Corriere della Sera del 06/04/2019 - Download

28 marzo 2019 (giovedì)

Ribolla (Lega): "Rinnovo il mio impegno per il Consiglio Comunale".

Da L'Eco di Bergamo 07/04/2019 - Download
Dal Corriere della Sera del 07/04/2019 - Download
Dal Corriere della Sera del 28/03/2019 - Download

Guarda l'elenco completo di tutte le rassegne

Social Network